Contenuto Principale
C'è posta per me (di Guido Lamonaca)
Gli articoli - I racconti
Mercoledì 24 Luglio 2013 14:30

Improvvisamente suona il campanello. Mi tiro su dal letto ancora mezzo addormentato. Forse ho sentito male. Aspetto un attimo, poi ecco di nuovo il suono del campanello giungere alle mie orecchie.  Scendo dal letto con i miei boxer arancioni e a piedi nudi mi dirigo verso la porta di casa...

La apro e scorgo oltre lo zerbino un tizio con un impermeabile grigio e un cappello anch’esso grigio, mezzo calato sul volto, in piedi con una busta bianca in mano.

“C’è posta per te” sussurra porgendomi la busta. La prendo leggendo sul retro l’indirizzo della mia abitazione. La apro e tiro fuori un biglietto su cui è scritto il mio nome. Sono sorpreso perché oltre al mio nome non c’è scritto altro. Vorrei chiedere spiegazioni al tizio che però nel frattempo si è già dileguato. Inizio ad agitarmi. Cosa vorrà dire quel biglietto? Perché è stato consegnato proprio a me? Chi era quello strano tipo che mi ha portato la busta? Domande alle quali non posso rispondere. Decido di vestirmi e uscire a prendere una boccata d’aria: forse ho soltanto bisogno di respirare un po’, forse sto ancora dormendo e questo non è altro che un sogno.

Appena uscito dal portone in strada noto una stranissima cosa. Davanti a me camminano distratti, quasi senza accorgersi della mia presenza, tanti uomini vestiti con impermeabili grigi e cappelli grigi calati sul volto come l’uomo che mi ha consegnato la busta poco fa e la cosa più strana è che anch’essi hanno una busta in mano. Guardo oltre la strada, verso la piazza e anche sul ponte della sopraelevata ma vedo soltanto uomini vestiti allo stesso modo. Non c’è in giro nessuno che non porti quella specie di divisa. Sono sconfortato e oltre modo agitato. Capisco che c’è qualcosa che non va e spero davvero che tutto questo sia soltanto un sogno. Ma non c’è nessun risveglio, nessuna fuga dal presente che mi appare sempre più strano e inquietante. Non vorrei dare nell’occhio anche se gli altri sembrano non accorgersi di me. Ma mi rendo conto che sono l’unico ad essere diverso. Così decido di entrare in un negozio di abbigliamento e prendermi un impermeabile grigio esattamente come quelli che si vedono in giro, compro anche un cappello grigio come l’impermeabile. Ecco adesso mi sento già meglio. Poi distrattamente infilo le mani in tasca e mi accorgo che in quella di destra c’è una busta. Sopra c’è scritto un indirizzo. Sembra uguale a quella che il tizio mi ha consegnato prima. La situazione si fa sempre più difficile da decifrare e non so cosa fare. Decido allora di consegnare la busta al destinatario: forse potrà rispondere alle numerose domande che in questo momento affollano il mio cervello, forse riuscirò a chiarirmi le idee.

Ho raggiunto quell’indirizzo e suonato al campanello. L’attesa non è lunga, ma quando vengono ad aprirmi, non credo a quello che vedo. Davanti a me oltre lo zerbino ci sono io. Non qualcuno che mi assomiglia ma esattamente un altro me stesso con i boxer arancioni come i miei, a piedi nudi e l’aria assonnata e stanca di uno che si è appena svegliato. Inizio a capire. Gli porgo la busta sussurrando “C’è posta per te.” Poi mi tolgo impermeabile e cappello e glieli do. L’altro me stesso ora è visibilmente agitato e credo che vorrebbe farmi delle domande ma è pietrificato, forse dalla paura. Io intanto mi sono spogliato completamente, dando all’altro me stesso tutto quello che avevo indosso. Infine lo lascio senza parole ed esco in strada. Sono nudo, spogliato da tutto quello che mi era stato cucito addosso sulla pelle e anche sotto. Ora gli uomini in impermeabile mi vedono e si fermano: iniziano ad avere paura di me. Si allontanano, alcuni di loro fuggono. Tanti me stesso appesi a quella esistenza, a quel grigiore. Tanti me stesso fuggiti via dalla mia vista e da una penna che vorrebbe ancora dettare lei le regole del gioco. Ma io cerco di cambiarle insieme ad una storia in cui nasco solo come uno dei tanti, uno tra tanti. Improvvisamente mi rendo conto che non è solo una storia, questa è la vita, la mia vita. Allora mi fermo sconcertato, consapevole di tutto questo, e  con un ultimo impeto di rabbia grido a squarciagola:

“Smettila di scrivere quello che sto facendo. Io non mi arrendo e rivoglio la mia identità!”

Poi mi allontano in cerca di ciò che non è mio, sperando proprio di trovarlo oltre la parola fine.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Dai lettori...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 02 Aprile 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da Edoardo) Siamo arrivati al terzo episodio dei racconti del commissario Nero, al secolo Franco Danzi con questo breve ma denso di contenuti quot; Il Matto con gli stivaliquot;. Marco Miele (l'autore) chiude il cerchio( ma si potrebbe riaprire in qualsiasi momento) dei racconti dei compagni di...
Leggi tutto...

Nel mare ci sono i coccodrilli di...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 31 Marzo 2017
Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda (consigliato da Emilia ) Consiglio vivamente di leggere questo libro , soprattutto ai ragazzi che vogliono avvicinarsi alla lettura .Storia vera e attuale di un bambino , oramai adulto, che attraversa il mare con un gommone per salvare la propria vita .Trama avvincente e sensazionale ....
Leggi tutto...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 12 Marzo 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da erica) Giallo in maremma da leggere...
Leggi tutto...

1984 di George Orwell (consigliato...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 03 Marzo 2017
1984 di George Orwell (consigliato da pino) 5/5...
Leggi tutto...
Consiglia anche tu!

Chi mi consiglia una poesia?

Il tuo sorriso (di Pablo Neruda)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Toglimi il pane, se vuoi,
toglimi l'aria, ma
non togliermi il tuo sorriso.

Non togliermi la rosa,
Leggi tutto...

Se potessi vivere di nuovo la mia vita (di Jorge Luis Borges)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Se potessi vivere di nuovo la mia vita.
Nella prossima cercherei di commettere più errori.
Non...


Leggi tutto...

E ciò che voglio è l'amore (di Alina Reyes)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

E ciò che voglio è l'amore,
l'amore spensierato e quello che rimette tutto in discussione,
quello...


Leggi tutto...

Orfeo ed Euridice (di Czeslaw Milosz)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Orfeo ed Euridice, di Czeslaw Milosz

In piedi sui lastroni del marciapiede all'ingresso...


Leggi tutto...

I nuovi autori

Controllo Remoto

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Controllo Remoto di Domenico Mortellaro *** Quante volte vi siete scoperti a chiedervi:...

Leggi tutto...

Capitalismo, desiderio, servitù (di Frederic Lordon, DeriveApprodi)

Gli articoli - I nuovi autori

Abolition du travail aliene... un libro straordinariamente brillante, scritto da uno dei...


Leggi tutto...

A SHADOW ON MERRIMACK RIVER

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** A SHADOW ON MERRIMACK RIVER di Daniela Alibrandi *** English Edition - A year in the...

Leggi tutto...

Hello

Gli articoli - I nuovi autori

Immagine
*** HELLO di Viviana Pavan *** Giulia e Alessandra sono amiche per la pelle. Hanno entrambe...


Leggi tutto...

I passi

da "La tempesta" di Kahlil Gibran

Gli articoli - I passi dei libri

Yusif El Fakhri aveva trent'anni quando si ritirò dalla società per andare a vivere in un eremo...


Leggi tutto...

da La casa del sonno (di Jonathan Coe)

Gli articoli - I passi dei libri

Era l'ultima lite, almeno questo era chiaro. Ma benché l'avesse presentita da giorni e forse da...


Leggi tutto...

da "1984" di George Orwell

Gli articoli - I passi dei libri

Era una fresca limpida giornata d'aprile e gli orologi segnavano l'una. Winston Smith, col...


Leggi tutto...

da "Kitchen" di Banana Yoshimoto

Gli articoli - I passi dei libri

Non c’è posto al mondo che io ami più della cucina. Non importa dove si trova, com’è fatta....


Leggi tutto...

I racconti

La patente (di Luigi...

Gli articoli - I racconti

Con quale inflessione di voce e quale atteggiamento d'occhi e di mani, curvandosi, come chi...


Leggi tutto...

Inno alla Bellezza (di...

Gli articoli - I racconti

Vieni tu dal cielo profondo o sorgi dall'abisso, Beltà?
Leggi tutto...

Al lupo! Al lupo! (di Esopo)

Gli articoli - I racconti

In un villaggio viveva un pastore che di notte doveva fare la guardia alle pecore. Si divertiva...


Leggi tutto...

"La scoperta del Fuoco" di...

Gli articoli - I racconti

All’improvviso qualcosa fece rumore, proprio dai cespugli dietro di me. Girai lentamente la...


Leggi tutto...

Le recensioni

Andavamo a morire per un pezzo di pane (di Marco Longo)

Gli articoli - Le recensioni

"La catastròfa - Marcinelle 8 agosto 1956" di Paolo Di Stefano - recensione di Marco Longo

Leggi tutto...

Oltre l'orizzonte (di Antonello De Sanctis) - recensione di Antonella Bogina

Gli articoli - Le recensioni

(recensione di Antonella Bogina)


 

Di questo libro mi ha subito colpito il fatto che fosse...


Leggi tutto...

Lettera a un bambino mai nato (di Oriana Fallaci) - recensione di Ilaria de Lillo

Gli articoli - Le recensioni

Non è una questione di femminismo, forse di religione, politica, filosofia ma sicuramente è un...


Leggi tutto...

Melodie e altre storie... (di Armando Maschini) - Recensione di Fabrizio Bianucci

Gli articoli - Le recensioni

Capita di gironzolare in bicicletta – anzi per la precisione su una sorta di tandem, la BiBici...


Leggi tutto...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

 620 visitatori online