Contenuto Principale
C'è posta per me (di Guido Lamonaca)
Gli articoli - I racconti
Mercoledì 24 Luglio 2013 14:30

Improvvisamente suona il campanello. Mi tiro su dal letto ancora mezzo addormentato. Forse ho sentito male. Aspetto un attimo, poi ecco di nuovo il suono del campanello giungere alle mie orecchie.  Scendo dal letto con i miei boxer arancioni e a piedi nudi mi dirigo verso la porta di casa...

La apro e scorgo oltre lo zerbino un tizio con un impermeabile grigio e un cappello anch’esso grigio, mezzo calato sul volto, in piedi con una busta bianca in mano.

“C’è posta per te” sussurra porgendomi la busta. La prendo leggendo sul retro l’indirizzo della mia abitazione. La apro e tiro fuori un biglietto su cui è scritto il mio nome. Sono sorpreso perché oltre al mio nome non c’è scritto altro. Vorrei chiedere spiegazioni al tizio che però nel frattempo si è già dileguato. Inizio ad agitarmi. Cosa vorrà dire quel biglietto? Perché è stato consegnato proprio a me? Chi era quello strano tipo che mi ha portato la busta? Domande alle quali non posso rispondere. Decido di vestirmi e uscire a prendere una boccata d’aria: forse ho soltanto bisogno di respirare un po’, forse sto ancora dormendo e questo non è altro che un sogno.

Appena uscito dal portone in strada noto una stranissima cosa. Davanti a me camminano distratti, quasi senza accorgersi della mia presenza, tanti uomini vestiti con impermeabili grigi e cappelli grigi calati sul volto come l’uomo che mi ha consegnato la busta poco fa e la cosa più strana è che anch’essi hanno una busta in mano. Guardo oltre la strada, verso la piazza e anche sul ponte della sopraelevata ma vedo soltanto uomini vestiti allo stesso modo. Non c’è in giro nessuno che non porti quella specie di divisa. Sono sconfortato e oltre modo agitato. Capisco che c’è qualcosa che non va e spero davvero che tutto questo sia soltanto un sogno. Ma non c’è nessun risveglio, nessuna fuga dal presente che mi appare sempre più strano e inquietante. Non vorrei dare nell’occhio anche se gli altri sembrano non accorgersi di me. Ma mi rendo conto che sono l’unico ad essere diverso. Così decido di entrare in un negozio di abbigliamento e prendermi un impermeabile grigio esattamente come quelli che si vedono in giro, compro anche un cappello grigio come l’impermeabile. Ecco adesso mi sento già meglio. Poi distrattamente infilo le mani in tasca e mi accorgo che in quella di destra c’è una busta. Sopra c’è scritto un indirizzo. Sembra uguale a quella che il tizio mi ha consegnato prima. La situazione si fa sempre più difficile da decifrare e non so cosa fare. Decido allora di consegnare la busta al destinatario: forse potrà rispondere alle numerose domande che in questo momento affollano il mio cervello, forse riuscirò a chiarirmi le idee.

Ho raggiunto quell’indirizzo e suonato al campanello. L’attesa non è lunga, ma quando vengono ad aprirmi, non credo a quello che vedo. Davanti a me oltre lo zerbino ci sono io. Non qualcuno che mi assomiglia ma esattamente un altro me stesso con i boxer arancioni come i miei, a piedi nudi e l’aria assonnata e stanca di uno che si è appena svegliato. Inizio a capire. Gli porgo la busta sussurrando “C’è posta per te.” Poi mi tolgo impermeabile e cappello e glieli do. L’altro me stesso ora è visibilmente agitato e credo che vorrebbe farmi delle domande ma è pietrificato, forse dalla paura. Io intanto mi sono spogliato completamente, dando all’altro me stesso tutto quello che avevo indosso. Infine lo lascio senza parole ed esco in strada. Sono nudo, spogliato da tutto quello che mi era stato cucito addosso sulla pelle e anche sotto. Ora gli uomini in impermeabile mi vedono e si fermano: iniziano ad avere paura di me. Si allontanano, alcuni di loro fuggono. Tanti me stesso appesi a quella esistenza, a quel grigiore. Tanti me stesso fuggiti via dalla mia vista e da una penna che vorrebbe ancora dettare lei le regole del gioco. Ma io cerco di cambiarle insieme ad una storia in cui nasco solo come uno dei tanti, uno tra tanti. Improvvisamente mi rendo conto che non è solo una storia, questa è la vita, la mia vita. Allora mi fermo sconcertato, consapevole di tutto questo, e  con un ultimo impeto di rabbia grido a squarciagola:

“Smettila di scrivere quello che sto facendo. Io non mi arrendo e rivoglio la mia identità!”

Poi mi allontano in cerca di ciò che non è mio, sperando proprio di trovarlo oltre la parola fine.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Dai lettori...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 02 Aprile 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da Edoardo) Siamo arrivati al terzo episodio dei racconti del commissario Nero, al secolo Franco Danzi con questo breve ma denso di contenuti quot; Il Matto con gli stivaliquot;. Marco Miele (l'autore) chiude il cerchio( ma si potrebbe riaprire in qualsiasi momento) dei racconti dei compagni di...
Leggi tutto...

Nel mare ci sono i coccodrilli di...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 31 Marzo 2017
Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda (consigliato da Emilia ) Consiglio vivamente di leggere questo libro , soprattutto ai ragazzi che vogliono avvicinarsi alla lettura .Storia vera e attuale di un bambino , oramai adulto, che attraversa il mare con un gommone per salvare la propria vita .Trama avvincente e sensazionale ....
Leggi tutto...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 12 Marzo 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da erica) Giallo in maremma da leggere...
Leggi tutto...

1984 di George Orwell (consigliato...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 03 Marzo 2017
1984 di George Orwell (consigliato da pino) 5/5...
Leggi tutto...
Consiglia anche tu!

Chi mi consiglia una poesia?

Martha Medeiros - Lentamente muore

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

 

Lentamente muore chi diventa schiavo dell'abitudine, ripetendo ogni
giorno gli stessi...


Leggi tutto...

Pedro Salinas - Amore

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

E sto abbracciato a te
senza chiederti nulla, per timore
che non sia vero
che tu vivi e mi ami.


Leggi tutto...

Come posso dire (di Karin Maria Boye)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Come posso dire se la tua voce è bella...

Leggi tutto...

Veleggio come un'ombra... di Alda Merini... bella bella bella! Leggetela!

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Veleggio come

un'ombra

nel sonno del giorno

e senza sapere mi riconosco come

tanti

Leggi tutto...

I nuovi autori

Sotto le ali dell'angelo edizione del Rosone

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** "Sotto le ali dell'angelo" edizione del Rosone di Eletta Santopietro *** In un'epoca di...

Leggi tutto...

IL GIORNO SENZA DOMANI

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** IL GIORNO SENZA DOMANI di Angelo Amato de Serpis *** Un racconto giovane, dal sapore...

Leggi tutto...

The Dream

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** The Dream di GINA G *** Jane è una giovane ragazza londinese innamorata dell’archeologia...

Leggi tutto...

Le cose migliori

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Le cose migliori di Valeria Pecora *** Le cose migliori è un viaggio nel mondo dei...

Leggi tutto...

I passi

da "Kitchen" di Banana Yoshimoto

Gli articoli - I passi dei libri

Non c’è posto al mondo che io ami più della cucina. Non importa dove si trova, com’è fatta....


Leggi tutto...

da "Cent'anni di solitudine" di Gabriel Garcìa Marquez

Gli articoli - I passi dei libri

Molti anni dopo, di fronte al plotone di esecuzione, il colonnello Aureliano Buendìa si sarebbe...


Leggi tutto...

da Fuga senza fine (di Joseph Roth)

Gli articoli - I passi dei libri

Ma i dispersi hanno un fascino irresistibile. Si può ingannare uno che è presente, uno sano,...


Leggi tutto...

da "Il castello" di Franz Kafka

Gli articoli - I passi dei libri

A tarda sera K. arrivò. Il villaggio era sprofondato nella neve. La collina del Castello non si...


Leggi tutto...

I racconti

Gioco d'azzardo (da...

Gli articoli - I racconti

Una notte d’estate, non più addietro di un mese e mezzo fa, li seguii giocare a carte. Le...


Leggi tutto...

Si potrebbe quasi (di...

Gli articoli - I racconti

"Ci sono giorni in cui si potrebbe quasi..."

Si potrebbe quasi...
"Si potrebbe quasi mangiare...


Leggi tutto...

"Il biglietto da visita"...

Gli articoli - I racconti

Alcune volte nella vita accadono fatti insoliti che non si possono spiegare; sarà il tempo a...


Leggi tutto...

Luigi Pirandello... un...

Gli articoli - I racconti

 

Mie ultime volontà da rispettare

I. Sia lasciata passare in silenzio la mia morte. Agli...


Leggi tutto...

Le recensioni

Liò Viaggio IN-Giappone (di Leonardo Romanelli)

Gli articoli - Le recensioni

Dopo aver viaggiato in molti paesi nel mondo, ho sentito l’aspirazione di scrivere un diario di...


Leggi tutto...

"Terra Venduta- Così uccidono la Calabria" di Claudio Cordova (recensione di Giuseppe Labate)

Gli articoli - Le recensioni

 

“Uno scenario dantesco. Mi indicavano le abitazioni : in quella casa ne morirono tre, in...


Leggi tutto...

Mama Kenya – Cuore d'Africa (di Lorena Gagliotta) - recensione di Massimo Gallus

Gli articoli - Le recensioni

Questa è la storia di tante storie messe insieme, vite di uomini, donne, bambini anziani. È il...


Leggi tutto...

Il Ciclo della Fondazione (Asimov) di Jekyll77

Gli articoli - Le recensioni

Compiamo un balzo in avanti nella storia di trentamila anni.

La civiltà umana ha ormai...


Leggi tutto...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

 538 visitatori online