Contenuto Principale
C'è posta per me (di Guido Lamonaca)
Gli articoli - I racconti
Mercoledì 24 Luglio 2013 14:30

Improvvisamente suona il campanello. Mi tiro su dal letto ancora mezzo addormentato. Forse ho sentito male. Aspetto un attimo, poi ecco di nuovo il suono del campanello giungere alle mie orecchie.  Scendo dal letto con i miei boxer arancioni e a piedi nudi mi dirigo verso la porta di casa...

La apro e scorgo oltre lo zerbino un tizio con un impermeabile grigio e un cappello anch’esso grigio, mezzo calato sul volto, in piedi con una busta bianca in mano.

“C’è posta per te” sussurra porgendomi la busta. La prendo leggendo sul retro l’indirizzo della mia abitazione. La apro e tiro fuori un biglietto su cui è scritto il mio nome. Sono sorpreso perché oltre al mio nome non c’è scritto altro. Vorrei chiedere spiegazioni al tizio che però nel frattempo si è già dileguato. Inizio ad agitarmi. Cosa vorrà dire quel biglietto? Perché è stato consegnato proprio a me? Chi era quello strano tipo che mi ha portato la busta? Domande alle quali non posso rispondere. Decido di vestirmi e uscire a prendere una boccata d’aria: forse ho soltanto bisogno di respirare un po’, forse sto ancora dormendo e questo non è altro che un sogno.

Appena uscito dal portone in strada noto una stranissima cosa. Davanti a me camminano distratti, quasi senza accorgersi della mia presenza, tanti uomini vestiti con impermeabili grigi e cappelli grigi calati sul volto come l’uomo che mi ha consegnato la busta poco fa e la cosa più strana è che anch’essi hanno una busta in mano. Guardo oltre la strada, verso la piazza e anche sul ponte della sopraelevata ma vedo soltanto uomini vestiti allo stesso modo. Non c’è in giro nessuno che non porti quella specie di divisa. Sono sconfortato e oltre modo agitato. Capisco che c’è qualcosa che non va e spero davvero che tutto questo sia soltanto un sogno. Ma non c’è nessun risveglio, nessuna fuga dal presente che mi appare sempre più strano e inquietante. Non vorrei dare nell’occhio anche se gli altri sembrano non accorgersi di me. Ma mi rendo conto che sono l’unico ad essere diverso. Così decido di entrare in un negozio di abbigliamento e prendermi un impermeabile grigio esattamente come quelli che si vedono in giro, compro anche un cappello grigio come l’impermeabile. Ecco adesso mi sento già meglio. Poi distrattamente infilo le mani in tasca e mi accorgo che in quella di destra c’è una busta. Sopra c’è scritto un indirizzo. Sembra uguale a quella che il tizio mi ha consegnato prima. La situazione si fa sempre più difficile da decifrare e non so cosa fare. Decido allora di consegnare la busta al destinatario: forse potrà rispondere alle numerose domande che in questo momento affollano il mio cervello, forse riuscirò a chiarirmi le idee.

Ho raggiunto quell’indirizzo e suonato al campanello. L’attesa non è lunga, ma quando vengono ad aprirmi, non credo a quello che vedo. Davanti a me oltre lo zerbino ci sono io. Non qualcuno che mi assomiglia ma esattamente un altro me stesso con i boxer arancioni come i miei, a piedi nudi e l’aria assonnata e stanca di uno che si è appena svegliato. Inizio a capire. Gli porgo la busta sussurrando “C’è posta per te.” Poi mi tolgo impermeabile e cappello e glieli do. L’altro me stesso ora è visibilmente agitato e credo che vorrebbe farmi delle domande ma è pietrificato, forse dalla paura. Io intanto mi sono spogliato completamente, dando all’altro me stesso tutto quello che avevo indosso. Infine lo lascio senza parole ed esco in strada. Sono nudo, spogliato da tutto quello che mi era stato cucito addosso sulla pelle e anche sotto. Ora gli uomini in impermeabile mi vedono e si fermano: iniziano ad avere paura di me. Si allontanano, alcuni di loro fuggono. Tanti me stesso appesi a quella esistenza, a quel grigiore. Tanti me stesso fuggiti via dalla mia vista e da una penna che vorrebbe ancora dettare lei le regole del gioco. Ma io cerco di cambiarle insieme ad una storia in cui nasco solo come uno dei tanti, uno tra tanti. Improvvisamente mi rendo conto che non è solo una storia, questa è la vita, la mia vita. Allora mi fermo sconcertato, consapevole di tutto questo, e  con un ultimo impeto di rabbia grido a squarciagola:

“Smettila di scrivere quello che sto facendo. Io non mi arrendo e rivoglio la mia identità!”

Poi mi allontano in cerca di ciò che non è mio, sperando proprio di trovarlo oltre la parola fine.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Dai lettori...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 02 Aprile 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da Edoardo) Siamo arrivati al terzo episodio dei racconti del commissario Nero, al secolo Franco Danzi con questo breve ma denso di contenuti quot; Il Matto con gli stivaliquot;. Marco Miele (l'autore) chiude il cerchio( ma si potrebbe riaprire in qualsiasi momento) dei racconti dei compagni di...
Leggi tutto...

Nel mare ci sono i coccodrilli di...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 31 Marzo 2017
Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda (consigliato da Emilia ) Consiglio vivamente di leggere questo libro , soprattutto ai ragazzi che vogliono avvicinarsi alla lettura .Storia vera e attuale di un bambino , oramai adulto, che attraversa il mare con un gommone per salvare la propria vita .Trama avvincente e sensazionale ....
Leggi tutto...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 12 Marzo 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da erica) Giallo in maremma da leggere...
Leggi tutto...

1984 di George Orwell (consigliato...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 03 Marzo 2017
1984 di George Orwell (consigliato da pino) 5/5...
Leggi tutto...
Consiglia anche tu!

Chi mi consiglia una poesia?

Pablo Neruda - Per il mio cuore basta il tuo petto...

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

 

Per il mio cuore basta il tuo petto,

per la tua libertà bastano le mie ali.

Dalla mia...


Leggi tutto...

Sibilla Aleramo - Rose calpestava

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Rose calpestava nel suo delirio
e il corpo bianco che amava.
Ad ogni lividura più mi prostravo,
oh...


Leggi tutto...

Nell'acqua della chiara fontana (di George Brassens)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Nell'acqua della chiara fontana,
lei, tutta nuda, si bagnava,
quando un soffio di tramontana
le...


Leggi tutto...

Supplica a Mia Madre (di Pier Paolo Pasolini)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie



E' difficile dire con parole di figlio 
ciò a cui nel cuore ben poco assomiglio. 
Tu sei la sola...


Leggi tutto...

I nuovi autori

Nessun viaggio è finito

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Nessun viaggio è finito di Giulio Boero *** Un tragitto interiore alla scoperta degli...

Leggi tutto...

BLUE PASSION Storia di un Profumo

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** BLUE PASSION Storia di un Profumo di Elena Caserini *** Può un profumo cambiare un...

Leggi tutto...

La mongolfiera, il monte Tambura e il tappeto volante

Gli articoli - I nuovi autori
image
*** La mongolfiera, il monte Tambura e il tappeto volante di Fernanda Raineri *** La storia...

Leggi tutto...

Il Branco ed i Branchetti (Storia di un'Adozione)

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Il Branco ed i Branchetti (Storia di un'Adozione) di Antonio Capaldo *** Raccontando la...

Leggi tutto...

I passi

da "Il cacciatore di aquiloni" di Khaled Hosseini

Gli articoli - I passi dei libri

Sono diventato la persona che sono oggi all'età di 12 anni, in una gelida giornata invernale...


Leggi tutto...

da La casa del sonno (di Jonathan Coe)

Gli articoli - I passi dei libri

Era l'ultima lite, almeno questo era chiaro. Ma benché l'avesse presentita da giorni e forse da...


Leggi tutto...

da "Itaca per sempre" di Luigi Malerba

Gli articoli - I passi dei libri

 

Ulisse

Mi sono domandato tante volte come mai l'acqua del mare è salata mentre l'acqua dei...


Leggi tutto...

da Miele (di Ian McEwan)

Gli articoli - I passi dei libri

Mi chiamo Serena Frome (che fa rima con plume) e poco meno di quarant'anni fa mi mandarono in...


Leggi tutto...

I racconti

"La gobba del cammello" di...

Gli articoli - I racconti

Narrerò ora, nel secondo racconto, come spuntò la gobba al Cammello. All'inizio del mondo,...


Leggi tutto...

Il grillo del signor Fabre...

Gli articoli - I racconti

Siamo a Londra. In una vasta e tumultuosa via alberata di Londra. Strepito di cavalli e di...


Leggi tutto...

Praefectus (di Camillo...

Gli articoli - I racconti

La giornata è pessima, ma questo non mi inquieta. I primi sei anni del mio governatorato sono...


Leggi tutto...

Ma sia come sia, è solo...

Gli articoli - I racconti

Ti dirò, anche se viaggi di paese in paese, per terre che mai prima hai veduto e grandi città...


Leggi tutto...

Le recensioni

A casa (di Toni Morrison, Sperling & Kupfer) - recensione di Giancarlo Giuliani

Gli articoli - Le recensioni

Frank Money è reduce dalla guerra in Corea, un’esperienza tragica che lo ha condotto lontano da...


Leggi tutto...

Nessun requiem per mia madre (di Claudiléia Lemes Dias, Fazi Editore) - recensione di Emilia Basile

Gli articoli - Le recensioni

"Nessun requiem per mia madre" è un libro da leggere tutto d'un fiato. Una figura di una madre...


Leggi tutto...

Andavamo a morire per un pezzo di pane (di Marco Longo)

Gli articoli - Le recensioni

"La catastròfa - Marcinelle 8 agosto 1956" di Paolo Di Stefano - recensione di Marco Longo

Leggi tutto...

La lunga attesa dell'angelo (di Melania G. Mazzucco) - recensione di Anna Maria Pinna

Gli articoli - Le recensioni

La lettura dell’appassionante romanzo, non biografia, “La lunga attesa dell’angelo” della...


Leggi tutto...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

 641 visitatori online