“Le parole di un uomo” per il Giorno della Memoria

Come ogni anno, il 27 gennaio ricorre il Giorno della Memoria per commemorare le vittime dell’Olocausto. Abbiamo deciso di proporvi un libro edito da Di Renzo Editore, che risulta di grande interesse, sia per il suo valore documentale, sia per le parole di Primo Levi.

«Siamo stati capaci, noi reduci, di comprendere e far comprendere la nostra esperienza?» Con questa domanda si apre il secondo capitolo de I sommersi e i salvati di Primo Levi. Una domanda che sconcerta e imbarazza. Milvia Spadi tenta un’esplorazione delle possibili risposte, con un libro sulla storia estrema dei Lager e gli aspetti più oscuri di eventi ancora così attuali.

Toccata profondamente dall’incontro con Primo Levi – avvenuto soltanto pochi mesi prima della scomparsa dello scrittore – l’Autrice propone l’intervista realizzata in quell’occasione, attualizzandone i contenuti anche attraverso le testimonianze di reduci, persecutori e perseguitati, ebrei fascisti, tedeschi dissidenti e studenti di oggi.

Incentrata sul rapporto tra passato e presente, questa polifonia di voci è arricchita da una puntuale documentazione sulle leggi razziali, la resistenza tedesca, i rapporti tra Chiesa e nazismo, le controversie per i risarcimenti. Il libro contiene anche un lungo capitolo dedicato al primo Giorno della Memoria e al significato di una data che deve essere un’occasione preziosa per non dimenticare e per stimolare i più giovani alla conoscenza, all’approfondimento e al dialogo.

Primo Levi e l'Olocausto

Immagine 2 di 8