I racconti
Porto meco uomini di quest'isola... (di Cristoforo Colombo)
Gli articoli - I racconti
Wednesday, 21 March 2012 15:31
There are no translations available.

Porto meco uomini di quest'isola e delle altre da me visitate i quali faranno testimonianza di ciò che dissi. Io prometto: che a' nostri invittissimi Re, sol che m'accordino un po' d'aiuto, io sarò per dare tant'oro quanto sarà lor necessario e tanti servi idolatri, quanti ne vogliano le loro Maestà esulti Cristo in terra come in cielo, perché volle che fossero salvate le anime di tanti popoli prima perdute.

 
Vita (di Vittorio Buttafava)
Gli articoli - I racconti
Friday, 16 March 2012 14:41
There are no translations available.

Sull’orlo di un laghetto un pescatore, immersa la canna nell’acqua, sta in attesa. Ha il volto immobile, lo sguardo teso, le spalle un po’ curve; un berretto strano lo protegge dal sole anemico del tramonto. 

 
La cosa più ingiusta della vita è il modo in cui finisce (di Woody Allen)
Gli articoli - I racconti
Wednesday, 07 March 2012 15:51
There are no translations available.

La cosa più ingiusta della vita è il modo in cui finisce. Voglio dire, la vita è dura e impiega la maggior parte del nostro tempo... Cosa ottieni alla fine? La morte! Che significa!? Che cos'è la morte? Una specie di bonus per aver vissuto? Credo che il ciclo vitale dovrebbe essere del tutto rovesciato. Bisognerebbe iniziare morendo, cosi ci si leva subito il pensiero. Poi in uno ospizio dal quale si viene buttati fuori perchè troppo giovani. (continua...)

 
Luigi Pirandello... un genio... un genio anche quando scrisse il suo testamento... un'opera d'arte! Leggetelo!!!
Gli articoli - I racconti
Thursday, 01 March 2012 21:00
There are no translations available.

 

Mie ultime volontà da rispettare

I. Sia lasciata passare in silenzio la mia morte. Agli amici, ai nemici preghiera non che di parlarne sui giornali, ma di non farne pur cenno. Né annunzi né partecipazioni.

II. Morto, non mi si vesta. Mi s'avvolga, nudo, in un lenzuolo. E niente fiori sul letto e nessun cero acceso.

III. Carro d'infima classe, quello dei poveri. Nudo. E nessuno m'accompagni, né parenti né amici. Il carro, il cavallo, il cocchiere e basta.

IV. Bruciatemi. E il mio corpo, appena arso, sia lasciato disperdere, perché niente, neppure la cenere, vorrei avanzasse di me. Ma se questo non si può fare sia l'urna cineraria portata in Sicilia e murata in qualche rozza pietra della campagna di Girgenti, dove nacqui.

Luigi Pirandello

 

... E sul biglietto che conteneva il testamento...

Luigi Pirandello

da rispettare

 
Al lupo! Al lupo! (di Esopo)
Gli articoli - I racconti
Thursday, 16 February 2012 09:50
There are no translations available.

In un villaggio viveva un pastore che di notte doveva fare la guardia alle pecore. Si divertiva a fare uno scherzo: mentre le altre persone erano a dormire egli cominciava a gridare: "Al lupo, al lupo!" Così tutti si svegliavano e accorrevano per aiutarlo. Ma dopo il pastore burlone rivelava che era stato tutto uno scherzo. Questo scherzo continuò per parecchi giorni, finché una notte il lupo arrivò veramente. Il pastore cominciò a gridare: "Al lupo, al lupo!". Ma nessuno venne ad aiutarlo perché tutti pensarono che fosse il solito scherzo. Così il lupo si mangiò tutte le pecore.

 
«StartPrev12345678910NextEnd»

Page 6 of 11