Contenuto Principale
Lettera a mia madre (di Georges Simenon) - recensione di Massimo P.
Gli articoli - Le recensioni
Sabato 14 Maggio 2011 17:08

(recensione di Massimo P.)

A volte mi siedo al computer e mi metto a scrivere, poche pagine, e poi torno all’inizio, le correggo, cancello, alla fine, molto spesso, si riducono al lumicino. In questi momenti non devo fare lo sbaglio di pensare a Georges Simenon, scrittore belga di lingua francese in grado di scrivere anche ottanta pagine al giorno! Infatti la sua produzione ha numeri enormi: 450 tra romanzi e racconti, tradotto in 55 lingue, pubblicato in 44 nazioni e con oltre 700 milioni di libri venduti!

Eppure a qualcuno questo proficuo scrittore sfugge fino a quando non gli si ricorda il commissario Maigret, fortunato personaggio letterario passato al grande pubblico grazie alle produzioni prima radiofoniche, poi cinematografiche, infine televisive.

Non è di Maigret che voglio parlarvi, ma di un piccolo libricino di meno di cento pagine: Lettera a mia madre. È l’ultimo incontro dello scrittore con la madre novantunenne, anche lui è vecchio, ha oltre settant’anni, lei è in punto di morte, a letto, una suora è immobile seduta al suo fianco, silenziosa e tetra come la morte stessa.

Il rapporto tra lo scrittore e la madre è conflittuale, combattuto, per tutto il racconto lui la chiama madre, termine ben diverso da mamma, che lascia comprendere il distacco almeno apparente tra i due. L’inizio sorprende, la domanda con cui la madre saluta il figlio quasi toglie il fiato: «Perché sei venuto, Georges?»

La lettera, ripercorre la storia di una donna indurita dalla vita, ultima di tredici figli, orfana del padre a cinque anni, una donna che per tutta la vita ha sgambettato come un topino, fragile eppure testarda, una palla di nervicon l’orgoglio dell’umiltà, perfino fiera della sua povertà.

La fortuna del figlio, il suo successo, sono spesso visti con sospetto, con il timore che il figlio sia pieno di debiti, perfino le cene con importanti uomini d’affare o prestigiosi rappresentati della città, sono per la donna pericolose occasioni mondane.

Le domande di Georges sono tante, ma una mi ha colpito più delle altre, una domanda che spesso mi sono fatto anch’io tante volte, domanda che mai ha avuto una risposta pienamente soddisfacente:

Esistono tre miliardi di uomini sulla terra. Non so la cifra esatta. Sono allergico alle statistiche, alle cifre in generale. Quanti uomini sono vissuti, dalla preistoria sino ad oggi? Nessuno lo sa. Si può tuttavia supporre che, come oggi, si siano sempre combattuti tra loro, si siano uccisi, abbiano dovuto lottare contro i loro vicini, contro i grandi cataclismi naturali, contro le epidemie. E tuttavia non hanno mai smesso di porsi una domanda: “Che cos’è l’uomo? Chi è il mio vicino?” Oggi l’etnografia cerca le tracce degli uomini di un tempo, i nostri antenati: la biologia, nei laboratori di tutto il mondo, si sforza di conoscere l’uomo attuale. Però non conosciamo le persone della porta accanto, quelle che incrociamo tutti i giorni per la strada, al cui fianco lavoriamo. Madre, siamo noi due qui a guardarci. Tu mi hai messo al mondo, io sono uscito dal tuo ventre, m’hai dato il primo latte, tuttavia non ti conosco, come tu non conosci me. In questa stanza d’ospedale, siamo due stranieri che non parlano la stessa lingua, e che diffidano l’uno dell’altro… è per cancellare l’idea falsa che ho potuto farmi di te, per penetrare nella verità del tuo essere, per amarti che riunisco briciole di ricordi, che rifletto.

Ed è proprio ciò che lo scrittore compie in questo piccolo libro: mette insieme briciole di ricordi, e, riflettendoci, anche le nostre vite sono piene di briciole, troppo spesso sottovalutate, che passano inosservate, dimenticate, ma che il più delle volte hanno con sé il senso intimo della nostra vita.

È un Simenon diverso quello che scrive Lettera a mia madre, diverso dallo scrittore dei tanti racconti gialli, si mette a nudo senza giochi di parole, diventa uomo semplice, umile, forse diventa ciò che sua madre era stata ed aveva difeso nel corso di una vita intera.

 

Lettera a mia madre
Georges Simenon
Adelphi

Fonte: dallo stesso autore, su LetterMagazine.it

 

Se ti fa piacere ricevere consigli sui libri più belli da leggere e notizie dal mondo della letteratura, diventa amico di "Chi mi consiglia un libro?" richiedendo l'amicizia a questo profilo:

http://www.facebook.com/chimiconsigliaunlibro

Siamo già tantissimi!!! Ti aspettiamo!!!

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Dai lettori...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 02 Aprile 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da Edoardo) Siamo arrivati al terzo episodio dei racconti del commissario Nero, al secolo Franco Danzi con questo breve ma denso di contenuti quot; Il Matto con gli stivaliquot;. Marco Miele (l'autore) chiude il cerchio( ma si potrebbe riaprire in qualsiasi momento) dei racconti dei compagni di...
Leggi tutto...

Nel mare ci sono i coccodrilli di...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 31 Marzo 2017
Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda (consigliato da Emilia ) Consiglio vivamente di leggere questo libro , soprattutto ai ragazzi che vogliono avvicinarsi alla lettura .Storia vera e attuale di un bambino , oramai adulto, che attraversa il mare con un gommone per salvare la propria vita .Trama avvincente e sensazionale ....
Leggi tutto...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 12 Marzo 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da erica) Giallo in maremma da leggere...
Leggi tutto...

1984 di George Orwell (consigliato...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 03 Marzo 2017
1984 di George Orwell (consigliato da pino) 5/5...
Leggi tutto...
Consiglia anche tu!

Chi mi consiglia una poesia?

Nell'acqua della chiara fontana (di George Brassens)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Nell'acqua della chiara fontana,
lei, tutta nuda, si bagnava,
quando un soffio di tramontana
le...


Leggi tutto...

Inverno lungo (di Antonia Pozzi)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Per un raggio di sole non è
lo sgelo.
Ancora l'intrico pallido
delle ombre
è l'unico ornamento...


Leggi tutto...

Sulla strada esco solo (di Michail Lermontov)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Sulla strada esco solo.
Nella nebbia è chiaro il cammino sassoso.
Calma è la notte.
Il deserto...


Leggi tutto...

Alda Merini - La terra santa

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Pensiero, io non ho più parole.
Ma cosa sei tu in sostanza?
qualcosa che lacrima a volte,


Leggi tutto...

I nuovi autori

Vedi Napoli e poi niente (di Corrado Castiglione, goWare)

Gli articoli - I nuovi autori

Nove racconti di Corrado Castiglione attraversano la città che dorme anche quando è sveglia in...


Leggi tutto...

Una specie di ragazza

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Una specie di ragazza di Verdiana Nobile *** Londra. Un ragazzo incontra una ragazza. Ma...

Leggi tutto...

Emanuela, una piccola questione di tempo

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Emanuela, una piccola questione di tempo di Anna Franceschi *** I misteri del caso...

Leggi tutto...

L'odissea sui binari

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** L'odissea sui binari di Pasquale Aversano *** Giovanni Prototasso, giovane studente di...

Leggi tutto...

I passi

da I funeracconti (di Benedetta Palmieri)

Gli articoli - I passi dei libri

Il funeralista è un presenzialista dei funerali.Che il defunto sia una persona nota, o famosa,...


Leggi tutto...

da "Il castello" di Franz Kafka

Gli articoli - I passi dei libri

A tarda sera K. arrivò. Il villaggio era sprofondato nella neve. La collina del Castello non si...


Leggi tutto...

Un po' di Pasolini

Gli articoli - I passi dei libri

 

da "Ragazzi di vita"
Era una caldissima giornata di luglio. Il Riccetto che doveva farsi la...


Leggi tutto...

da Gli ingredienti segreti dell'amore (di Nicolas Barreau)... ecco l'incipit... leggetelo!!!

Gli articoli - I passi dei libri

L'anno scorso, a novembre, un libro mi ha salvato la vita.

Una cosa alquanto improbabile, lo...


Leggi tutto...

I racconti

Gl’italiani, a proibir...

Gli articoli - I racconti

Caro Edmund, il tuo richiamo agli scandali che da qualche anno rallegrano la vita italiana è...


Leggi tutto...

La cosa più ingiusta della...

Gli articoli - I racconti

La cosa più ingiusta della vita è il modo in cui finisce. Voglio dire, la vita è dura e impiega...


Leggi tutto...

Sul palcoscenico a cinque...

Gli articoli - I racconti

All'età di cinque anni feci la mia prima apparizione sul palcoscenico. Semiaccecato dalle luci...


Leggi tutto...

"Il pensatore" di Mahatma...

Gli articoli - I racconti

Un giorno, un pensatore indiano fece la seguente domanda ai suoi discepoli:

"Perchè le persone...


Leggi tutto...

Le recensioni

Le braci (di Sandor Marai) - recensione di Raffaella Foggia

Gli articoli - Le recensioni

La storia di Heinrich e Konrad è la storia di un'attesa della spiegazione di un tradimento, del...


Leggi tutto...

Le passioni dell'anima (di Raffaele Simone)

Gli articoli - Le recensioni

«Tempeste di vento accompagnano la nostra avanzata, giorno e notte, con pioggia e senza: a...


Leggi tutto...

La lunga attesa dell'angelo (di Melania G. Mazzucco) - recensione di Anna Maria Pinna

Gli articoli - Le recensioni

La lettura dell’appassionante romanzo, non biografia, “La lunga attesa dell’angelo” della...


Leggi tutto...

Lettera a mia madre (di Georges Simenon) - recensione di Massimo P.

Gli articoli - Le recensioni

(recensione di Massimo P.)

A volte mi siedo al computer e mi metto a scrivere, poche pagine, e...


Leggi tutto...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

 312 visitatori online