Contenuto Principale
La condizione umana (di André Malraux) - recensione di Davide Dotto
Gli articoli - Le recensioni
Domenica 13 Marzo 2011 07:35

Cen ha appena commesso un omicidio, il suo primo atto terroristico. Ha un sospiro di sollievo, gli altri non hanno modo di accorgersi di quello che ha fatto, non gli si legge in faccia. E’ un’illusione: la notte non si oppone al delitto. Si può mimetizzare nel suo colore.  Ma è anche l’effetto della incomunicabilità tra gli uomini. E infatti, quando segue il giorno, il suo straniamento è totale, si rende conto della sua terribile solitudine. Non uscirà più  dalla propria notte. No, non avrebbe più ucciso, dice a se stesso, solo in combattimento. Non si stava forse preparando la Rivoluzione (siamo nel 1927, in Cina)? Ma come organizzarla al meglio se “la metà degli uomini non avrebbe saputo far uso delle armi?” una volta risolto quello cruciale di averle?  A mezzogiorno sarebbe seguito lo sciopero generale.L’unico che riuscirà a comprenderlo è un vecchio ex professore di sociologia dell’Università di Pechino di nome Gisors. Anche suo figlio Kyo è impegnato nella Rivoluzione ed è orgoglioso ed altrettanto ansioso per la sorte di lui e degli altri. Il suo insegnamento ha formato il nerbo dei quadri rivoluzionari della Corea del Nord, ricorda, è il padre di un’intera generazione.  Cen potrebbe essere il suo migliore allievo, colui che è andato oltre, ha compiuto l’atto, ma non è molto convinto. E’ al vecchio professore che Cen confessa la propria straordinaria solitudine dopo l’omicidio compiuto. Gli altri avevano già ucciso? Era, Cen, più avanti tra costoro? Aveva superato in questo la via di non ritorno? Certo aveva compiuto un atto necessario alla Rivoluzione, ma aveva sempre ucciso un uomo inerme nel proprio letto, durante il sonno.  Era libero, troppo libero e questa totale libertà asserviva – dominava con ossessione – la sua anima e il suo pensiero, sia inebriandolo che travolgendolo. A stento il vecchio professore sembra capire la situazione di questo neo-terrorista e la sua prossima vocazione all’estremo, a un puro sentimento di morte (non tanto quella altrui, ma la propria).  Vita incomunicabile per eccellenza, aveva scavato intorno un abisso tra sé e gli altri e ne era terribilmente consapevole. “Come lo riporto indietro? come lo separo da ciò che è diventato?” Non riesce a capire che è soltanto un uomo.   

In fondo le “premesse ideologiche” della Rivoluzione  non sono incoraggianti e anzi la minano in profondità: ad esempio la condizione della donna. Una promessa sposa, si racconta, poco prima delle nozze (imposte) tenta il suicidio al che la madre di lei così si lamenta: “Povera piccola, e dire che aveva avuto quasi la fortuna di morire”. Lo stesso vecchio Gisors non è lontano da certe posizioni: “è bene che esistano la sottomissione assoluta della donna, il concubinaggio, l’istituzione delle cortigiane… I nostri antenati l’hanno pensata così. La donna è sottomessa all’uomo come l’uomo è sottomesso allo stato e servire l’uomo è meno dura che servire lo stato”. In una lettera alquanto amara un personaggio (di nome Valeria) muove questo rimprovero: “Voi sapete molte cose, caro, ma forse morirete senza esservi accorto che una donna è un essere umano”. 

 E poco più avanti , in un dialogo, si pone questa domanda cruciale, rimasta senza risposta: “Pensate che si possa conoscere un essere vivente?” (non “un essere umano”).

Per conoscere occorre amare: è nel mondo degli affetti che ciascuno riesce a leggere il cuore dell’altro. E’ nei confronti di May (e non nei confronti del padre o dei suoi compagni d’arme) che Kyo percepisce il “rimorso del morire”. May l’aveva liberato da tutte le solitudini se non da tutte le amarezze. A lei e a nessun altro dedica il suo pensiero e dà il suo ultimo addio. Da questo e non da altro la Rivoluzione sembra ricevere il suo colpo di grazia.

 Chi non ha la consolazione del mondo degli affetti,  rimarrà sopraffatto dall’incomunicabilità regnante: i grandi perché dell’esistenza rimangono senza risposta. Anzi: addirittura i dialoghi appaiono in massima parte dominati da aforismi: frasi acute e ingegnose, eppure drammaticamente insignificanti e prigioniere di un contesto del quale difficilmente ci si raccapezza: “il capitalismo moderno è più volontà d’organizzazione che volontà di potenza”, “un Dio può possedere ma non conquistare…” e via dicendo: una dottrina che non è un balsamo per i cuori e per le anime, che serve più a colmare un vuoto, o a nascondere la voce di un’agonia diffusa. Ognuno sembra parlarsi addosso e le repliche ora a questo ora a quello non sembrano giungere mai a tono. Questa è l’apoteosi della incomunicabilità.

Come Cen anche gli altri non riescono a uscire dalla propria notte. Si tengono allora stretti a un idolo, per  compensare questa loro terribile prigionia. Sposano con  una altrettanto irriducibile e disperata fedeltà gli ideali della Rivoluzione. Ma anche in essi vi sono diverse “chiese”: vi sono correnti e partigiani di diverse schiere.

Si capisce sempre più che la “Rivoluzione” in atto assume i contorni di uno spauracchio, un pretesto per parlare d’altro. Ciascun personaggio si porta dietro il peso del proprio vissuto, è alla ricerca di un senso della vita o del morire e la Rivoluzione appare una soluzione impacchettata, preconfezionata da altri.  Rivoluzione significa nazionalizzazione delle terre, costituzione – anche in Cina – dei Soviet alla Lenin. Ma in questo modo salta tutto il credito e falliscono le banche. La frangia degli operai capisce il gioco della Rivoluzione degli altri: non erano forse tutti i vantaggi a favore dei borghesi? “Se i contadini venivano salassati per il fondo di guerra, la borghesia veniva tassata con discrezione” e ordini superiori avrebbero impedito l’occupazione delle terre.

Uccidere Ciang Kai-sheck: ecco il progetto. Aveva la forza e la popolarità nel tenere unita la borghesia contro la classe operaia. Cen non ci riesce. Si getta con un’auto stringendo una bomba contro quella che dovrebbe accogliere Ciang Kai-scheck. Muore vanamente.

No. Non era questa la libertà. Piuttosto era un abbandono. Cen ha abbandonato il consorzio degli uomini, gettandosi in un gesto dai più ricordato come inutile: “Non bisogna considerare l’omicidio come la via maestra per la verità politica”.

La Rivoluzione non ha vinto eppure qualcosa è rimasto. Ha lasciato un segno, un traccia, una consapevolezza: chi non ha trovato rifugio nel mondo degli affetti, ha ricevuto una eredità non molto cospicua: “I nostri non dimenticheranno più che soffrono per colpa di altri uomini e non per colpa delle loro vite precedenti”.

Tutto qui? Vien da domandarsi.

recensione di Davide Dotto

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Dai lettori...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 02 Aprile 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da Edoardo) Siamo arrivati al terzo episodio dei racconti del commissario Nero, al secolo Franco Danzi con questo breve ma denso di contenuti quot; Il Matto con gli stivaliquot;. Marco Miele (l'autore) chiude il cerchio( ma si potrebbe riaprire in qualsiasi momento) dei racconti dei compagni di...
Leggi tutto...

Nel mare ci sono i coccodrilli di...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 31 Marzo 2017
Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda (consigliato da Emilia ) Consiglio vivamente di leggere questo libro , soprattutto ai ragazzi che vogliono avvicinarsi alla lettura .Storia vera e attuale di un bambino , oramai adulto, che attraversa il mare con un gommone per salvare la propria vita .Trama avvincente e sensazionale ....
Leggi tutto...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 12 Marzo 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da erica) Giallo in maremma da leggere...
Leggi tutto...

1984 di George Orwell (consigliato...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 03 Marzo 2017
1984 di George Orwell (consigliato da pino) 5/5...
Leggi tutto...
Consiglia anche tu!

Chi mi consiglia una poesia?

Juan Ramòn Jiménez - Per amarti

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Per amarti, ho ceduto
il mio cuore al destino.
Non potrai più liberarti
non potrò più liberarmi!
Leggi tutto...

Nevai... io sognai nella neve di un'immensa città di fiori... i versi unici di Antonia Pozzi... leggeteli!!!

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Io fui nel giorno alto che vive
oltre gli abeti...

Leggi tutto...

Nelle mie braccia tutta nuda (di Nazim Hikmet, Berlino 1961)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Nelle mie braccia tutta nuda

la città la sera e tu

il tuo chiarore l'odore dei tuoi capelli

Leggi tutto...

Che mi ami tu lo dici, ma con una voce... (di John Keats)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Che mi ami tu lo dici, ma con una voce
più casta di quella d’una suora
che per sé sola i dolci...


Leggi tutto...

I nuovi autori

Maturità (viaggio nel cuore e nelle emozioni)

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Maturità (viaggio nel cuore e nelle emozioni) di Mario D'Onofrio *** È la condensazione...

Leggi tutto...

Viteliù,il nome della Libertà

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Viteliù,il nome della Libertà di Nicola Mastronardi *** Viteliú, dal termine osco antico...

Leggi tutto...

Dalla Terra all'universo

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Dalla Terra all'universo di Ernesto G. Ammerata *** Dalla Terra all’Universo, ci offre...

Leggi tutto...

Rain non aveva le ali

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Rain non aveva le ali di Carlo Peparello *** “Rain non aveva le ali” è un thriller a...

Leggi tutto...

I passi

Il segreto dei lupi (di Dorothy Hearst, Nord)

Gli articoli - I passi dei libri

Europa, 14.000 anni fa. Una falce di luna bianca che spicca sul pelo grigio. È questo il...


Leggi tutto...

da "Le regole della casa del sidro" di John Irving

Gli articoli - I passi dei libri

Nell'ospedale dell'orfanotrofio - reparto maschi a St. Cloud's, nel Maine - due infermiere...


Leggi tutto...

da Il talento di Mr. Ripley (di Patricia Highsmith)

Gli articoli - I passi dei libri

Tom sbirciò alla sue spalle e scorse l'uomo che lo seguiva uscire dietro di lui dal Green Cage...
Leggi tutto...

da "Mattatoio n.5" di Kurt Vonnegut

Gli articoli - I passi dei libri

 

È tutto accaduto, più o meno. Le parti sulla guerra, in ogni caso, sono abbastanza vere. Un...


Leggi tutto...

I racconti

Il grillo del signor Fabre...

Gli articoli - I racconti

Siamo a Londra. In una vasta e tumultuosa via alberata di Londra. Strepito di cavalli e di...


Leggi tutto...

L'indovina (di Stefano Benni)

Gli articoli - I racconti

L’indovina Amalia, famosa cartomante, accolse il cliente nel suo studio.
Sul tavolo c’erano una...


Leggi tutto...

Gl’italiani, a proibir...

Gli articoli - I racconti

Caro Edmund, il tuo richiamo agli scandali che da qualche anno rallegrano la vita italiana è...


Leggi tutto...

Il treno ha fischiato (di...

Gli articoli - I racconti

Farneticava. Principio di febbre cerebrale, avevano detto i medici...


Leggi tutto...

Le recensioni

Anima Mundi (di Susanna Tamaro) - recensione di Davide Dotto

Gli articoli - Le recensioni

In principio pare vi fosse il vuoto e questo vuoto era una capocchia di spillo, un’anima...


Leggi tutto...

La condizione umana (di André Malraux) - recensione di Davide Dotto

Gli articoli - Le recensioni

Cen ha appena commesso un omicidio, il suo primo atto terroristico. Ha un sospiro di sollievo,...


Leggi tutto...

La strada tra noi (di Nigel Farndale, De Agostini) - Due storie lontane nel tempo riunite dalla mano del destino

Gli articoli - Le recensioni

“Dal suo osservatorio privilegiato, una portafinestra che affaccia sul balcone dell’albergo,...


Leggi tutto...

Pandereski (della giallista Cristiana Koll)

Gli articoli - Le recensioni

In un momento nel quale ci si convince che ogni crimine può essere risolto con il solo...


Leggi tutto...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

 550 visitatori online