Contenuto Principale
da Il Piacere (di Gabriele D'Annunzio)
Gli articoli - I passi dei libri
Lunedì 31 Marzo 2014 10:50

Aspettò molto. Le sale si empivano rapidamente; le danze incominciavano: nella galleria d'Annibale Caracci le semiddie quiriti lottavan di formosità con le Ariadne, con le Galatee, con le Aurore, con le Diane degli affreschi; le coppie turbinando esalavano profumi...

le mani inguantate delle dame premevano la spalla dei cavalieri; le teste ingemmate si curvavano o si ergevano; certe bocche semiaperte brillavano come la porpora; certe spalle nude luccicavano sparse d'un velo d'umidore; certi seni parevano irrompere dal busto, sotto la veemenza dell'ansia.
- Non ballate, Sperelli? - chiese Gabriella Barbarisi, una fanciulla bruna come l'oliva speciosa, mentre passava a braccio d'un danzatore, agitando con la mano il ventaglio e col sorriso un neo ch'ella aveva in una fossetta presso la bocca.
- Sì, più tardi - rispose Andrea. - Più tardi.
Incurante delle presentazioni e dei saluti, egli sentiva crescere il suo tormento nell'attesa inutile; e girava di sala in sala alla ventura. Il «forse» gli faceva temere ch'Elena non venisse. - E s'ella proprio non veniva? Quando l'avrebbe egli riveduta? - Passò Donna Bianca Dolcebuono; e, senza sapere perché, egli le si mise al fianco dicendole molte frasi cortesi, provando quasi un poco di sollievo in compagnia di lei. Avrebbe voluto parlarle di Elena, interrogarla, rassicurarsi. L'orchestra diè principio a una Mazurka assai molle; e la contessa fiorentina col suo cavaliere entrò nella danza.
Allora Andrea si volse a un gruppo di giovini signori, che stava presso una porta. Eravi Ludovico Barbarisi, eravi il duca di Beffi, con Filippo del Gallo, con Gino Bommìnaco. Guardavano le coppie girare e malignavano un po' grossolanamente. Il Barberisi raccontava d'aver vedute le rotondità del petto alla contessa Lùcoli, ballando il Walzer. Il Bommìnaco domandò:
- Ma come?
- Provaci. Basta chinare gli occhi nel corsage. Ti assicuro che vale la pena...
- Avete badato alle ascelle di Madame Chrysoloras? Guardate!
Il duca di Beffi mostrava una danzatrice che aveva in su la fronte bianca come il marmo di Luni un'accensione di chiome rosse, a similitudine d'una sacerdotessa d'Alma Tadema. Il suo busto era congiunto agli omeri da un semplice nastro, e si scorgevano sotto le ascelle due ciuffi rossastri troppo abbondanti. Il Bommìnaco si mise a ragionare dell'odor singolare che hanno le donne rosse.
- Tu lo conosci bene, quell'odore - disse con malizia il Barbarisi.
- Perché?
- La Micigliano...
Il giovine si compiacque manifestamente di sentir nominare una delle sue amanti. Non protestò, ma rise; poi volgendosi allo Sperelli:
- Che hai stasera? Ti cercava tua cugina, un momento fa. Ora balla con mio fratello. Eccola.
- Guarda! - esclamò Filippo del Gallo. - E' tornata l'Albónico. Balla con Giannetto.
- E' tornata anche la Muti, da una settimana - fece Ludovico. - Che bella creatura!
- E' qui?
- Non l'ho veduta ancóra.
Andrea ebbe al cuore un sussulto, temendo che da qualcuna di quelle bocche fosse per uscire una malignità anche contro di lei. Ma il passaggio della principessa Issé, a braccio del ministro di Danimarca, divagò gli amici. Egli nondimeno sentivasi spingere da una temeraria curiosità a riallacciare il discorso sul nome dell'amata, per sapere, per iscoprire; ma non osò. La Mazurka finiva; il gruppo disperdevasi. «Ella non viene! Ella non viene!» L'inquietudine interiore gli cresceva così fieramente che egli pensò d'abbandonare le sale, poiché il contatto di quella folla eragli insoffribile.
Volgendosi, vide apparire su l'ingresso della galleria la duchessa di Scerni a braccio dell'ambasciatore di Francia. In un attimo, egli incontrò lo sguardo di lei; e gli occhi d'ambedue in quell'attimo, parvero mescolarsi, penetrarsi, beversi. Ambedue sentirono che l'uno cercava l'altra e l'altra l'uno; ambedue sentirono, ad un punto, scendere su l'anima un silenzio, in mezzo a quel rumore, e quasi direi aprirsi un abisso in cui tutto il mondo circostante scomparve sotto la forza d'un pensiero unico.
Ella s'avanzava nell'istoriata galleria del Caracci, dov'era minore la calca, portando un lungo strascico di broccato bianco che la seguiva come un'onda grave sul pavimento. Così bianca e semplice, nel passare volgeva il capo ai molti saluti, mostrando un'aria di stanchezza, sorridendo con un piccolo sforzo visibile che le increspava gli angoli della bocca, mentre gli occhi sembravan più larghi sotto la fronte esangue. Non la fronte sola ma tutte le linee del volto assumevano dall'estremo pallore una tenuità quasi direi psichica.
Ella non era più né la donna seduta alla mensa degli Ateleta, né quella al banco delle vendite, né quella diritta un'istante sul marciapiede della via Sistina. La sua bellezza aveva ora un'espressione di sovrana idealità, che meglio splendeva in mezzo alle altre dame accese in volto dalla danza, eccitate, troppo mobili, un po' convulse. Alcuni uomini, guardandola, rimanevan pensosi. Ella metteva anche negli animi più ottusi o fatui un turbamento, una inquietudine, un'aspirazione indefinibile.
Chi aveva il cuor libero immaginava con un fremito profondo l'amore di lei; chi aveva un'amante provava un oscuro rammarico sognando un'ebrezza sconosciuta, nel cuore non pago; chi recava entro di sé la piaga d'una gelosia o d'un inganno aperta da un'altra donna, sentiva ben che avrebbe potuto guarire.

 

Commenti  

 
#1 Guest 2020-04-15 06:55
Rebecca manchester united drakter, fotball jerseys av forskjellige
klubberfotballt røyer og shortsegendefin erte utskrifts fotballtrøyer du tilbys på forespørsel {: mersinfirma.com/.../laraatlas1.
DannH
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Dai lettori...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 02 Aprile 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da Edoardo) Siamo arrivati al terzo episodio dei racconti del commissario Nero, al secolo Franco Danzi con questo breve ma denso di contenuti quot; Il Matto con gli stivaliquot;. Marco Miele (l'autore) chiude il cerchio( ma si potrebbe riaprire in qualsiasi momento) dei racconti dei compagni di...
Leggi tutto...

Nel mare ci sono i coccodrilli di...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 31 Marzo 2017
Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda (consigliato da Emilia ) Consiglio vivamente di leggere questo libro , soprattutto ai ragazzi che vogliono avvicinarsi alla lettura .Storia vera e attuale di un bambino , oramai adulto, che attraversa il mare con un gommone per salvare la propria vita .Trama avvincente e sensazionale ....
Leggi tutto...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 12 Marzo 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da erica) Giallo in maremma da leggere...
Leggi tutto...

1984 di George Orwell (consigliato...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 03 Marzo 2017
1984 di George Orwell (consigliato da pino) 5/5...
Leggi tutto...
Consiglia anche tu!

Chi mi consiglia una poesia?

Lo avrai, camerata Kesselring... la celebre epigrafe di Piero Calamandrei... condividetela!!! e fatela girare perché richiama i valori della libertà, della democrazia e dell'essere italiano... qualcosa che forse oggi un po' ci manca.

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Lo avrai
camerata Kesselring
il monumento che pretendi da noi italiani
ma con che pietra si...


Leggi tutto...

Nazim Hikmet - Ciò che ho scritto di noi

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Ciò che ho scritto di noi è tutta una bugia
è la mia nostalgia
cresciuta sul ramo inaccessibile
è...


Leggi tutto...

Pablo Neruda - Ma del tuo amore si vanno tingendo le mie parole. Tutto ti prendi tu, tutto.

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Perchè tu possa ascoltarmi le mie parole
si fanno sottili, a volte,
come impronte di gabbiani...


Leggi tutto...

Pablo Neruda - Ode al cane

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

 

Il cane mi domanda
e non rispondo.
Salta, corre pei campi e mi domanda
senza parlare
e i suoi...


Leggi tutto...

I nuovi autori

La città senza uscita

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** La città senza uscita di Enrico Mattioli *** Siamo nell'Era del Centro Commerciale....

Leggi tutto...

IL BIMBO DI RACHELE

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** IL BIMBO DI RACHELE di Daniela Alibrandi *** Rachele, una donna come tante che si...

Leggi tutto...

The Dream

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** The Dream di GINA G *** Jane è una giovane ragazza londinese innamorata dell’archeologia...

Leggi tutto...

Il dio sordo - Mia immortale amata

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Il dio sordo - Mia immortale amata di Antonio Scotto di Carlo *** La Musica è il...

Leggi tutto...

I passi

da "Storie di ordinaria follia" di Charles Bukovski

Gli articoli - I passi dei libri

 

Cass era la più giovane e la più bella di 5 sorelle. Cass era la più bella ragazza di tutta...


Leggi tutto...

Philip Roth e l'animale morente... si è sempre in guerra...

Gli articoli - I passi dei libri

Deduzione e controdeduzione: è di questo che è fatta la storia. O uno impone le sue idee o se...


Leggi tutto...

da "Un indovino mi disse" di Tiziano Terzani

Gli articoli - I passi dei libri

Una buona occasione nella vita si presenta sempre. Il problema è saperla riconoscere e a volte...


Leggi tutto...

da Il giorno della civetta (di Leonardo Sciascia)

Gli articoli - I passi dei libri

Il vagheggiamento di una fuga, che pure sapeva impossibile, si alternava alla visione di se...


Leggi tutto...

I racconti

Sul palcoscenico a cinque...

Gli articoli - I racconti

All'età di cinque anni feci la mia prima apparizione sul palcoscenico. Semiaccecato dalle luci...


Leggi tutto...

Il grillo del signor Fabre...

Gli articoli - I racconti

Siamo a Londra. In una vasta e tumultuosa via alberata di Londra. Strepito di cavalli e di...


Leggi tutto...

Ballate come se nessuno vi...

Gli articoli - I racconti

Per tanto tempo ho avuto la sensazione che la vita sarebbe presto cominciata, la vera vita! Ma...


Leggi tutto...

Gioco d'azzardo (da...

Gli articoli - I racconti

Una notte d’estate, non più addietro di un mese e mezzo fa, li seguii giocare a carte. Le...


Leggi tutto...

Le recensioni

Visioni variopinte (di Hamza Zirem, Arduino Sacco) - recensione di Lucianna Argentino

Gli articoli - Le recensioni

C’è molto in questo ultimo lavoro poetico di Hamza Zirem. Non parlo certo di quantità, ma delle...


Leggi tutto...

Nessun requiem per mia madre (di Claudiléia Lemes Dias, Fazi Editore) - recensione di Emilia Basile

Gli articoli - Le recensioni

"Nessun requiem per mia madre" è un libro da leggere tutto d'un fiato. Una figura di una madre...


Leggi tutto...

Qualcosa di scritto (di Emanuele Trevi, Ponte Alle Grazie)

Gli articoli - Le recensioni

"Sono rarissimi gli incontri che davvero, come si dice, lasciano un segno. Parlo di un segno...


Leggi tutto...

L'amore maestro (di Angelo Bona) - recensione di Paola Magalotti

Gli articoli - Le recensioni

Capita spesso che di un libro si dica:" Mi è piaciuto talmente tanto che l'ho letto tutto d'un...


Leggi tutto...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

 1628 visitatori online