Contenuto Principale
"La gobba del cammello" di Rudyard Kipling
Gli articoli - I racconti
Sabato 23 Ottobre 2010 15:33

Narrerò ora, nel secondo racconto, come spuntò la gobba al Cammello. All'inizio del mondo, quando tutto era ancora nuovo, e gli Animali avevano appena incominciato a lavorare per l'Uomo, viveva, in mezzo al Deserto Ululante, un Cammello, che era proprio un gran fannullone, tanto che mangiava rametti e pruni, tamarischi e altre erbe, che poteva trovare nel deserto senza scomodarsi troppo; e quando Qualcuno gli rivolgeva la parola, rispondeva: "Bah!" solo: "Bah!" e nient'altro.

Perciò, un lunedì mattina, il Cavallo andò da lui, con la sella sulla schiena e il morso in bocca, e disse: "Cammello, ehi, Cammello, vieni fuori a trottare come tutti noi." "Bah!" fece il Cammello; e il Cavallo se ne andò e lo riferì all'Uomo." Poi andò da lui il Cane, con un pezzo di legno in bocca; e disse: "Cammello, ehi, Cammello, vieni a stanare la selvaggina come tutti noi." "Bah!" fece il Cammello; e il Cane se ne andò e lo riferì all'Uomo. Poi andò da lui il Bue, con il giogo sul collo, e disse: "Cammello, ehi, Cammello, vieni ad arare come tutti noi." "Bah!" fece il Cammello, e il Bue se ne andò e lo riferì all'Uomo.

Sul finire del giorno l'Uomo chiamò a raccolta il Cavallo, il Cane e il Bue e tenne loro questo discorsetto: "O miei Tre, sono molto spiacente per voi (con il mondo ancora tutto nuovo); quel Fannullone nel deserto non vuol proprio lavorare, mentre ormai dovrebbe già essere qui come voi; per cui sono costretto lasciarlo solo, e voi dovrete lavorare il doppio per supplirlo." Ciò irritò molto i Tre (con il mondo ancora tutto nuovo); ed essi si riunirono al confine del Deserto a congiurare; e venne anche il Cammello, più indolente che mai, ruminando erba, e rise loro in faccia. Poi fece: "Bah!" e se ne andò. Allora arrivò il Genio che ha in custodia Tutti i Deserti, avvolto in una nube di polvere (i Geni viaggiano sempre in questo modo, perché è Magia), e si fermò a parlare coi Tre. "Genio di Tutti i Deserti," disse il Cavallo, "è giusto che qualcuno se ne stia in ozio con il mondo tutto nuovo?" "No di certo," rispose il Genio. "Ebbene," soggiunse il Cavallo, "c'è un animale in mezzo al tuo Deserto Ululante, con lungo collo e lunghe gambe che non ha fatto ancora niente da lunedì mattina. Non vuole trottare." "Ohibò!" esclamò il Genio; "per tutto l'oro dell'Arabia, ma questo è il mio Cammello! e che scusa trova?" Dice: «Bah! » disse il Cane; - e non vuole andare a stanare la selvaggina. "Dice qualcos'altro?" "Solo: «Bah! » e non vuole arare, - disse il Bue. "Benissimo," fece il Genio; "se avete la pazienza di aspettare un minuto lo farò sgobbare io." Il Genio si avvolse nel suo mantello di polvere, andò nel deserto, e trovò il Cammello più indolente che mai, che rimirava la sua immagine riflessa in una pozza d'acqua. "Mio lungo e indolente amico," disse il Genio, "ho sentito sul tuo conto cose che ti fanno poco onore. È vero che non vuoi lavorare?" "Bah!" rispose il Cammello. Il Genio si sedette, col mento fra le mani, e si accinse ad escogitare qualche grande incantesimo, mentre il Cammello continuava a rimirare la sua immagine riflessa nell'acqua. "Tu hai costretto i Tre a lavorare il doppio da lunedì mattina, e tutto per colpa della tua insopportabile pigrizia" disse il Genio, e continuò a pensare incantesimi col mento fra le mani." "Bah!" fece il Cammello. "Non lo ripeterei più se fossi in te," disse il Genio; "potresti dirlo una volta di troppo. Fannullone, voglio che tu lavori." E il Cammello ripeté ancora: "Bah!" ma non aveva ancora finito di dirlo, che vide il suo dorso, del quale era così orgoglioso, gonfiarsi e gonfiarsi finché si formò su di esso una grande, immensa, traballante gobba. "Vedi cosa ti è successo?" disse il Genio; "questa gobba te la sei voluta proprio tu, con la tua pigrizia. Oggi è giovedì, e tu non hai fatto ancora nulla, mentre il lavoro ha avuto inizio lunedì. Ora devi andare a lavorare." "Come è possibile," protestò il Cammello, "con questa gobba sulla schiena?" "Anzi, è fatta apposta," replicò il Genio, "perché hai perso quei tre giorni. Ora potrai lavorare per tre giorni senza mangiare, perché puoi vivere a spese della tua gobba; e non ti venga in mente di dire che non ho fatto niente per te. Esci dal deserto, vai a raggiungere i Tre, e comportati bene. E sgobba!" E il Cammello andò a raggiungere i Tre, e sgobbò, nonostante la gobba. E da quel giorno in poi il Cammello ebbe sempre la gobba (noi, ora, la chiamiamo gobba per non offenderlo); ma non è ancora riuscito a recuperare i tre giorni che ha perso all'inizio del mondo, e non ha ancora imparato a comportarsi come si deve.

 

Commenti  

 
#5 Guest 2013-10-28 20:10
Credo piuttosto che il caro Genio avrebbe dovuto punire l'uomo per aver preso tutte le bestie sotto il suo controllo.
 
 
#4 roby 2010-10-25 07:56
Il cammello ha due gobbe mentre il dromedario ne ha una
 
 
#3 Roby78 2010-10-23 17:13
povero cammello...
 
 
#2 Ely 2010-10-23 17:12
la domanda nasce spontanea... perché il dromedario ne ha due???
 
 
#1 Massimiliano 21 2010-10-23 17:10
racconto simpatico...
 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Dai lettori...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 02 Aprile 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da Edoardo) Siamo arrivati al terzo episodio dei racconti del commissario Nero, al secolo Franco Danzi con questo breve ma denso di contenuti quot; Il Matto con gli stivaliquot;. Marco Miele (l'autore) chiude il cerchio( ma si potrebbe riaprire in qualsiasi momento) dei racconti dei compagni di...
Leggi tutto...

Nel mare ci sono i coccodrilli di...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 31 Marzo 2017
Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda (consigliato da Emilia ) Consiglio vivamente di leggere questo libro , soprattutto ai ragazzi che vogliono avvicinarsi alla lettura .Storia vera e attuale di un bambino , oramai adulto, che attraversa il mare con un gommone per salvare la propria vita .Trama avvincente e sensazionale ....
Leggi tutto...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 12 Marzo 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da erica) Giallo in maremma da leggere...
Leggi tutto...

1984 di George Orwell (consigliato...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 03 Marzo 2017
1984 di George Orwell (consigliato da pino) 5/5...
Leggi tutto...
Consiglia anche tu!

Chi mi consiglia una poesia?

Strade (di Ruth Bidgood)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Inutile chiedersi che lago protetto da aironi
si trovava nell'altra vallata,
o rimpiangere i...


Leggi tutto...

Per poco (di Sara Teasdale)... bellissima...

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

 

E quando sarò andata, andata via,
il mio canto potrà forse restare
per poco, come l'onda nella...


Leggi tutto...

Supplica a Mia Madre (di Pier Paolo Pasolini)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie



E' difficile dire con parole di figlio 
ciò a cui nel cuore ben poco assomiglio. 
Tu sei la sola...


Leggi tutto...

Invece di una lettera (di Vladimir Vladimirovic Majakovskij)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Il fumo del tabacco ha roso l'aria.
La stanza
è un capitolo dell'inferno di Kruchenych.
Ricordi?


Leggi tutto...

I nuovi autori

Professione MAMMA

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Professione MAMMA di Erika Zerbini *** Cosa significa diventare mamma? La maternità è un...

Leggi tutto...

La maledizione dell'alfa (episodi 1&2)

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** La maledizione dell'alfa (episodi 1&2) di Tasha Black *** Entrate in un mondo di...

Leggi tutto...

Profumo di nepeta

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Profumo di nepeta di Aurora Pagano *** 50 anni di storia, dai primi del '900 alla metà...

Leggi tutto...

Buon Natablet - Le filastrocche dell'avvento in formato eBook

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Buon Natablet - Le filastrocche dell'avvento in formato eBook di Michele Ottone *** 25...

Leggi tutto...

I passi

da Sostiene Pereira (di Antonio Tabucchi)

Gli articoli - I passi dei libri

Sostiene Pereira di averlo conosciuto in un giorno d'estate...


Leggi tutto...

da "Una scrittura femminile azzurro pallido" di Franz Werfel

Gli articoli - I passi dei libri

La posta giaceva sul tavolo della prima colazione. Una notevole pila di lettere, perché avendo...


Leggi tutto...

da "Balzac e la Piccola Sarta cinese" di Dai Sijie

Gli articoli - I passi dei libri

Il capo del villaggio, un uomo sui cinquant'anni, era seduto a gambe incrociate al centro della...


Leggi tutto...

da Nessuno da di noi (di Simona Sparaco, Giunti)

Gli articoli - I passi dei libri

Chiudo gli occhi. Attendo che la macchina si fermi da qualche parte. Attendo il dolore. Non lo...


Leggi tutto...

I racconti

Il treno ha fischiato (di...

Gli articoli - I racconti

Farneticava. Principio di febbre cerebrale, avevano detto i medici; e lo ripetevano tutti i...


Leggi tutto...

Il grillo del signor Fabre...

Gli articoli - I racconti

Siamo a Londra. In una vasta e tumultuosa via alberata di Londra. Strepito di cavalli e di...


Leggi tutto...

Caporali si nasce (di...

Gli articoli - I racconti

L'umanità l'ho divisa in due categorie di persone: uomini e caporali.
Leggi tutto...

La patente (di Luigi...

Gli articoli - I racconti

Con quale inflessione di voce e quale atteggiamento d'occhi e di mani, curvandosi, come chi...


Leggi tutto...

Le recensioni

Oltre l’attesa (di Rossana d’Ambrosio) - recensione di Massimo Rondi

Gli articoli - Le recensioni

Chi vuole seguire una trama appassionante, e al tempo stesso riflettere sulla realtà delle...


Leggi tutto...

L'Agnese va a morire (di Renata Viganò) - recensione di Davide Dotto

Gli articoli - Le recensioni

La guerra sembra finita. Tutti tornano a casa. Si festeggerà, ci si ubriacherà. Chissà se la...


Leggi tutto...

Liberami (di Anna Piazza, Arpeggio Libero) - Recensione di Stefano Bolognini

Gli articoli - Le recensioni

Eva, una giovanissima giornalista, sta svolgendo una complessa inchiesta sulla prostituzione e...


Leggi tutto...

Visioni variopinte (di Hamza Zirem, Arduino Sacco) - recensione di Lucianna Argentino

Gli articoli - Le recensioni

C’è molto in questo ultimo lavoro poetico di Hamza Zirem. Non parlo certo di quantità, ma delle...


Leggi tutto...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

 471 visitatori online