Contenuto Principale
"Intrighi e Nobiltà" di Luigi Imperatore (recensione di Sonia Argiolas)
Gli articoli - Le recensioni
Mercoledì 20 Ottobre 2010 09:32

Forse amo gli intrighi un po’ meno la nobiltà, di sicuro non amo particolarmente i gialli.
O, in genere, non adoro i libri di genere (amo le parole che fanno a botte, però).

Tutta questione di gusti, come sempre. Per andare contro me stessa, ho preso tra le mani questo piccolo libro, genere giallo, copertina anch’essa gialla.

Ho incontrato tanti personaggi che soavemente calcavano le scene di questo piccolo paese di provincia. Un paesino normale, piccolo, dove poco e niente succede. La pioggia, una birra
al bar, una chiacchierata con gli amici, una bella ragazza. Storie raccontate, passati che diventano piccole leggende. Leggende che non passano.
E della natura del piccolo paese incontriamo tutti i pro e tutti i contro. Ogni evento, è destinato a produrre una eco. Grande o piccolo che sia l’evento, questo non rileva: l’importante è parlarne perché non c’è neanche un piccolo spazio per i segreti. Né un ripostiglio, né una cassetta di
sicurezza. Tutti sanno tutto di tutti e la privacy è collocata in un albero troppo alto per essere colta, un bene irraggiungibile.
Emerge repentinamente dalle prime pagine quella ancestrale e immortale linea di demarcazione tra le persone comuni (poveracci direbberro "nobilmente" i nobili) e i nobili. Linea di demarcazione che viene puntualmente tracciata (ahimè la storia insegna) dall’arroganza del conte. Figura, quest’ultima, che non appare ma che si impone. La prepotenza, d’altronde, non ha bisogno di
essere annunciata, si sa. Ma anche questo rientra nell’ordine naturale delle cose di quella vita.
La tranquilla quiete di questo ridente paesino, all’improvviso, subisce una
rottura. Una rottura segnata da un fatto di sangue. Un omicidio.
E da questo fatto, nel tiepido cielo di quella mite realtà paesana, iniziano vorticosamente, come uno sciame impazzito di api, a svolazzare mille domande, mille dubbi.
Dubbi che assillano e che, come una irrefrenabile catena di Sant’Antonio, generano altri dubbi, malignamente forieri di altri dubbi ancora.
In questo clima tetro, un gruppo di amici decide di svolgere indagini parallele a quelle ufficiali.
Un po’ perché la vittima era un loro amico, ma anche per vivere un’avventura della quale forse avevano bisogno come di un bene che non sapevano, consciamente, di volere. Per andare avanti, per sentirsi eroi, per sfuggire alla monotonia loro continua compagna di vita.
Saranno loro che, senza mai vestire i panni dei supereroi televisivi, arriveranno alla soluzione del fitto mistero. Divengono eroi, credibilissimi eroi. I loro corpi non subiscono allucinate mutazioni, non indossano mantelli fluorescenti o inusuali abiti da scena: conservano la loro semplice identità.
Il tutto è raccontato da Imperatore con uno stile lineare, cristallino.
Mi è parso di vedervi, in qualche modo, le atmosfere di Camilleri, senza però che sia possibile individuare una abdicazione da parte dell’autore al proprio stile che rimane il Suo e solo il suo.
Gialli? Mai dire mai. 

Forse amo gli intrighi un po’ meno la nobiltà, di sicuro non amo particolarmente i gialli.
O, in genere, non adoro i libri di genere (amo le parole che fanno a botte, però).

Tutta questione di gusti, come sempre. Per andare contro me stessa, ho preso tra le mani questo piccolo libro, genere giallo, copertina anch’essa gialla.
Ho incontrato tanti personaggi che soavemente calcavano le scene di questo piccolo paese di provincia. Un paesino normale, piccolo, dove poco e niente succede. La pioggia, una birra
al bar, una chiacchierata con gli amici, una bella ragazza. Storie raccontate, passati che diventano piccole leggende. Leggende che non passano.
E della natura del piccolo paese incontriamo tutti i pro e tutti i contro. Ogni evento, è destinato a produrre una eco. Grande o piccolo che sia l’evento, questo non rileva: l’importante è parlarne perché non c’è neanche un piccolo spazio per i segreti. Né un ripostiglio, né una cassetta di
sicurezza. Tutti sanno tutto di tutti e la privacy è collocata in un albero troppo alto per essere colta, un bene irraggiungibile.
Emerge repentinamente dalle prime pagine quella ancestrale e immortale linea di demarcazione tra le persone comuni (poveracci direbberro "nobilmente" i nobili) e i nobili. Linea di demarcazione che viene puntualmente tracciata (ahimè la storia insegna) dall’arroganza del conte. Figura, quest’ultima, che non appare ma che si impone. La prepotenza, d’altronde, non ha bisogno di
essere annunciata, si sa. Ma anche questo rientra nell’ordine naturale delle cose di quella vita.
La tranquilla quiete di questo ridente paesino, all’improvviso, subisce una
rottura. Una rottura segnata da un fatto di sangue. Un omicidio.
E da questo fatto, nel tiepido cielo di quella mite realtà paesana, iniziano vorticosamente, come uno sciame impazzito di api, a svolazzare mille domande, mille dubbi.
Dubbi che assillano e che, come una irrefrenabile catena di Sant’Antonio, generano altri dubbi, malignamente forieri di altri dubbi ancora.
In questo clima tetro, un gruppo di amici decide di svolgere indagini parallele a quelle ufficiali.
Un po’ perché la vittima era un loro amico, ma anche per vivere un’avventura della quale forse avevano bisogno come di un bene che non sapevano, consciamente, di volere. Per andare avanti, per sentirsi eroi, per sfuggire alla monotonia loro continua compagna di vita.
Saranno loro che, senza mai vestire i panni dei supereroi televisivi, arriveranno alla soluzione del fitto mistero. Divengono eroi, credibilissimi eroi. I loro corpi non subiscono allucinate mutazioni, non indossano mantelli fluorescenti o inusuali abiti da scena: conservano la loro semplice identità.
Il tutto è raccontato da Imperatore con uno stile lineare, cristallino.
Mi è parso di vedervi, in qualche modo, le atmosfere di Camilleri, senza però che sia possibile individuare una abdicazione da parte dell’autore al proprio stile che rimane il Suo e solo il suo.
Gialli? Mai dire mai.

a cura di Sonia Argiolas

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Dai lettori...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 02 Aprile 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da Edoardo) Siamo arrivati al terzo episodio dei racconti del commissario Nero, al secolo Franco Danzi con questo breve ma denso di contenuti quot; Il Matto con gli stivaliquot;. Marco Miele (l'autore) chiude il cerchio( ma si potrebbe riaprire in qualsiasi momento) dei racconti dei compagni di...
Leggi tutto...

Nel mare ci sono i coccodrilli di...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 31 Marzo 2017
Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda (consigliato da Emilia ) Consiglio vivamente di leggere questo libro , soprattutto ai ragazzi che vogliono avvicinarsi alla lettura .Storia vera e attuale di un bambino , oramai adulto, che attraversa il mare con un gommone per salvare la propria vita .Trama avvincente e sensazionale ....
Leggi tutto...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 12 Marzo 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da erica) Giallo in maremma da leggere...
Leggi tutto...

1984 di George Orwell (consigliato...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 03 Marzo 2017
1984 di George Orwell (consigliato da pino) 5/5...
Leggi tutto...
Consiglia anche tu!

Chi mi consiglia una poesia?

Veleggio come un'ombra... di Alda Merini... bella bella bella! Leggetela!

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Veleggio come

un'ombra

nel sonno del giorno

e senza sapere mi riconosco come

tanti

Leggi tutto...

Orfeo ed Euridice (di Czeslaw Milosz)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Orfeo ed Euridice, di Czeslaw Milosz

In piedi sui lastroni del marciapiede all'ingresso...


Leggi tutto...

Sulla strada esco solo (di Michail Lermontov)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Sulla strada esco solo.
Nella nebbia è chiaro il cammino sassoso.
Calma è la notte.
Il deserto...


Leggi tutto...

Nelle mie braccia tutta nuda (di Nazim Hikmet, Berlino 1961)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Nelle mie braccia tutta nuda

la città la sera e tu

il tuo chiarore l'odore dei tuoi capelli

Leggi tutto...

I nuovi autori

La mongolfiera, il monte Tambura e il tappeto volante

Gli articoli - I nuovi autori
image
*** La mongolfiera, il monte Tambura e il tappeto volante di Fernanda Raineri *** La storia...

Leggi tutto...

Favola di una falena

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Favola di una falena di Alessio Del Debbio *** Viareggio, settembre 2001. Sta per finire...

Leggi tutto...

Gli agenti della C.S.B.

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Gli agenti della C.S.B. di Emanuela Vullo *** Romanzo avvincente, che coinvolge il...

Leggi tutto...

CONCERTO PER VOCI SORDE

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** CONCERTO PER VOCI SORDE di NADIA GIANNONI *** Il silenzio di Aurora irrompe nella vita...

Leggi tutto...

I passi

da Un lavoro sporco (di Christopher Moore, Elliot)

Gli articoli - I passi dei libri

Charlie Asher camminava sulla Terra come una formica sulla superficie dell'acqua, quasi...


Leggi tutto...

da "Itaca per sempre" di Luigi Malerba

Gli articoli - I passi dei libri

 

Ulisse

Mi sono domandato tante volte come mai l'acqua del mare è salata mentre l'acqua dei...


Leggi tutto...

da "Gang Bang" di Chuk Palahniuk

Gli articoli - I passi dei libri

Uno ha passato il pomeriggio al buffet con indosso solo i boxer, leccando la polverina...


Leggi tutto...

da Persuasione (di Jane Austen)

Gli articoli - I passi dei libri

Sir Walter Elliot, di Kellynch-hall, nel Somersetshire, non leggeva per svago altri libri che...


Leggi tutto...

I racconti

"L'indovina" di Stefano Benni

Gli articoli - I racconti

L’indovina Amalia, famosa cartomante, accolse il cliente nel suo studio.
Sul tavolo c’erano una...

Leggi tutto...

Ma sia come sia, è solo...

Gli articoli - I racconti

Ti dirò, anche se viaggi di paese in paese, per terre che mai prima hai veduto e grandi città...


Leggi tutto...

Sul palcoscenico a cinque...

Gli articoli - I racconti

All'età di cinque anni feci la mia prima apparizione sul palcoscenico. Semiaccecato dalle luci...


Leggi tutto...

Sentinella (di Fredric...

Gli articoli - I racconti

Era bagnato fradicio e coperto di fango e aveva fame e freddo ed era lontano cinquantamila...


Leggi tutto...

Le recensioni

Alla ricerca di Fatima (di Ghada Karmi, Atmosphere)

Gli articoli - Le recensioni

Pochissimi palestinesi della diaspora hanno scritto memorie così intime come Ghada Karmi con il...


Leggi tutto...

Nessun requiem per mia madre (di Claudiléia Lemes Dias, Fazi Editore) - recensione di Emilia Basile

Gli articoli - Le recensioni

"Nessun requiem per mia madre" è un libro da leggere tutto d'un fiato. Una figura di una madre...


Leggi tutto...

Emanuela. Una piccola questione di tempo (di Anna Franceschi, Editori Riuniti) - recensione di Giancarlo Giuliani

Gli articoli - Le recensioni

Prendete una poliziotta romana che vanta centinaia di indagini criminali e una particolare...


Leggi tutto...

A casa (di Toni Morrison, Sperling & Kupfer) - recensione di Giancarlo Giuliani

Gli articoli - Le recensioni

Frank Money è reduce dalla guerra in Corea, un’esperienza tragica che lo ha condotto lontano da...


Leggi tutto...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

 533 visitatori online