Contenuto Principale
"Intrighi e Nobiltà" di Luigi Imperatore (recensione di Sonia Argiolas)
Gli articoli - Le recensioni
Mercoledì 20 Ottobre 2010 09:32

Forse amo gli intrighi un po’ meno la nobiltà, di sicuro non amo particolarmente i gialli.
O, in genere, non adoro i libri di genere (amo le parole che fanno a botte, però).

Tutta questione di gusti, come sempre. Per andare contro me stessa, ho preso tra le mani questo piccolo libro, genere giallo, copertina anch’essa gialla.

Ho incontrato tanti personaggi che soavemente calcavano le scene di questo piccolo paese di provincia. Un paesino normale, piccolo, dove poco e niente succede. La pioggia, una birra
al bar, una chiacchierata con gli amici, una bella ragazza. Storie raccontate, passati che diventano piccole leggende. Leggende che non passano.
E della natura del piccolo paese incontriamo tutti i pro e tutti i contro. Ogni evento, è destinato a produrre una eco. Grande o piccolo che sia l’evento, questo non rileva: l’importante è parlarne perché non c’è neanche un piccolo spazio per i segreti. Né un ripostiglio, né una cassetta di
sicurezza. Tutti sanno tutto di tutti e la privacy è collocata in un albero troppo alto per essere colta, un bene irraggiungibile.
Emerge repentinamente dalle prime pagine quella ancestrale e immortale linea di demarcazione tra le persone comuni (poveracci direbberro "nobilmente" i nobili) e i nobili. Linea di demarcazione che viene puntualmente tracciata (ahimè la storia insegna) dall’arroganza del conte. Figura, quest’ultima, che non appare ma che si impone. La prepotenza, d’altronde, non ha bisogno di
essere annunciata, si sa. Ma anche questo rientra nell’ordine naturale delle cose di quella vita.
La tranquilla quiete di questo ridente paesino, all’improvviso, subisce una
rottura. Una rottura segnata da un fatto di sangue. Un omicidio.
E da questo fatto, nel tiepido cielo di quella mite realtà paesana, iniziano vorticosamente, come uno sciame impazzito di api, a svolazzare mille domande, mille dubbi.
Dubbi che assillano e che, come una irrefrenabile catena di Sant’Antonio, generano altri dubbi, malignamente forieri di altri dubbi ancora.
In questo clima tetro, un gruppo di amici decide di svolgere indagini parallele a quelle ufficiali.
Un po’ perché la vittima era un loro amico, ma anche per vivere un’avventura della quale forse avevano bisogno come di un bene che non sapevano, consciamente, di volere. Per andare avanti, per sentirsi eroi, per sfuggire alla monotonia loro continua compagna di vita.
Saranno loro che, senza mai vestire i panni dei supereroi televisivi, arriveranno alla soluzione del fitto mistero. Divengono eroi, credibilissimi eroi. I loro corpi non subiscono allucinate mutazioni, non indossano mantelli fluorescenti o inusuali abiti da scena: conservano la loro semplice identità.
Il tutto è raccontato da Imperatore con uno stile lineare, cristallino.
Mi è parso di vedervi, in qualche modo, le atmosfere di Camilleri, senza però che sia possibile individuare una abdicazione da parte dell’autore al proprio stile che rimane il Suo e solo il suo.
Gialli? Mai dire mai. 

Forse amo gli intrighi un po’ meno la nobiltà, di sicuro non amo particolarmente i gialli.
O, in genere, non adoro i libri di genere (amo le parole che fanno a botte, però).

Tutta questione di gusti, come sempre. Per andare contro me stessa, ho preso tra le mani questo piccolo libro, genere giallo, copertina anch’essa gialla.
Ho incontrato tanti personaggi che soavemente calcavano le scene di questo piccolo paese di provincia. Un paesino normale, piccolo, dove poco e niente succede. La pioggia, una birra
al bar, una chiacchierata con gli amici, una bella ragazza. Storie raccontate, passati che diventano piccole leggende. Leggende che non passano.
E della natura del piccolo paese incontriamo tutti i pro e tutti i contro. Ogni evento, è destinato a produrre una eco. Grande o piccolo che sia l’evento, questo non rileva: l’importante è parlarne perché non c’è neanche un piccolo spazio per i segreti. Né un ripostiglio, né una cassetta di
sicurezza. Tutti sanno tutto di tutti e la privacy è collocata in un albero troppo alto per essere colta, un bene irraggiungibile.
Emerge repentinamente dalle prime pagine quella ancestrale e immortale linea di demarcazione tra le persone comuni (poveracci direbberro "nobilmente" i nobili) e i nobili. Linea di demarcazione che viene puntualmente tracciata (ahimè la storia insegna) dall’arroganza del conte. Figura, quest’ultima, che non appare ma che si impone. La prepotenza, d’altronde, non ha bisogno di
essere annunciata, si sa. Ma anche questo rientra nell’ordine naturale delle cose di quella vita.
La tranquilla quiete di questo ridente paesino, all’improvviso, subisce una
rottura. Una rottura segnata da un fatto di sangue. Un omicidio.
E da questo fatto, nel tiepido cielo di quella mite realtà paesana, iniziano vorticosamente, come uno sciame impazzito di api, a svolazzare mille domande, mille dubbi.
Dubbi che assillano e che, come una irrefrenabile catena di Sant’Antonio, generano altri dubbi, malignamente forieri di altri dubbi ancora.
In questo clima tetro, un gruppo di amici decide di svolgere indagini parallele a quelle ufficiali.
Un po’ perché la vittima era un loro amico, ma anche per vivere un’avventura della quale forse avevano bisogno come di un bene che non sapevano, consciamente, di volere. Per andare avanti, per sentirsi eroi, per sfuggire alla monotonia loro continua compagna di vita.
Saranno loro che, senza mai vestire i panni dei supereroi televisivi, arriveranno alla soluzione del fitto mistero. Divengono eroi, credibilissimi eroi. I loro corpi non subiscono allucinate mutazioni, non indossano mantelli fluorescenti o inusuali abiti da scena: conservano la loro semplice identità.
Il tutto è raccontato da Imperatore con uno stile lineare, cristallino.
Mi è parso di vedervi, in qualche modo, le atmosfere di Camilleri, senza però che sia possibile individuare una abdicazione da parte dell’autore al proprio stile che rimane il Suo e solo il suo.
Gialli? Mai dire mai.

a cura di Sonia Argiolas

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Dai lettori...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 02 Aprile 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da Edoardo) Siamo arrivati al terzo episodio dei racconti del commissario Nero, al secolo Franco Danzi con questo breve ma denso di contenuti quot; Il Matto con gli stivaliquot;. Marco Miele (l'autore) chiude il cerchio( ma si potrebbe riaprire in qualsiasi momento) dei racconti dei compagni di...
Leggi tutto...

Nel mare ci sono i coccodrilli di...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 31 Marzo 2017
Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda (consigliato da Emilia ) Consiglio vivamente di leggere questo libro , soprattutto ai ragazzi che vogliono avvicinarsi alla lettura .Storia vera e attuale di un bambino , oramai adulto, che attraversa il mare con un gommone per salvare la propria vita .Trama avvincente e sensazionale ....
Leggi tutto...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 12 Marzo 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da erica) Giallo in maremma da leggere...
Leggi tutto...

1984 di George Orwell (consigliato...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 03 Marzo 2017
1984 di George Orwell (consigliato da pino) 5/5...
Leggi tutto...
Consiglia anche tu!

Chi mi consiglia una poesia?

Alda Merini - Io sono folle

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Io sono folle, folle, folle d'amore per te.
io gemo di tenerezza perché sono folle, folle,...


Leggi tutto...

Emily Dickinson - Notti selvagge

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Se io fossi con te
notti selvagge sarebbero
nostra voluttà!

Futili - i venti -
per un cuore in...


Leggi tutto...

Come posso dire (di Karin Maria Boye)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Come posso dire se la tua voce è bella...

Leggi tutto...

Vertigini o contemplazione di qualcosa che finisce (di Alejandra Pizarnik)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Questo lillà perde i fiori.
Da sé medesimo cade
e cela la sua antica ombra.
Morirò di cose come...


Leggi tutto...

I nuovi autori

Spine

Gli articoli - I nuovi autori

Immagine
*** SPINE di CRISTINA DE LAURETIS *** tratto dalla scheda del libro: È poesia, breve,...


Leggi tutto...

Genoma

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Genoma di Marco Bertolino *** Fino a che punto può osare la scienza? Qual è il confine...

Leggi tutto...

I Signori dei Cavalli

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** I Signori dei Cavalli di Irene Grazzini *** Un romanzo storico ambientato nell'Anatolia...

Leggi tutto...

Fortuna, il buco delle vite.

Gli articoli - I nuovi autori
image
*** Fortuna, il buco delle vite. di Jolanda Buccella. *** Fortuna sta per morire, questa...

Leggi tutto...

I passi

da "Mattatoio n.5" di Kurt Vonnegut

Gli articoli - I passi dei libri

 

È tutto accaduto, più o meno. Le parti sulla guerra, in ogni caso, sono abbastanza vere. Un...


Leggi tutto...

da "In alto a sinistra" di Erri De Luca

Gli articoli - I passi dei libri

Per un breve periodo scolastico evitai ogni contatto con la fisica. Non avevo ancora le...


Leggi tutto...

da Persuasione (di Jane Austen)

Gli articoli - I passi dei libri

Non conversavano insieme, non si parlavano se non per scambiarsi i saluti richiesti dalla più...


Leggi tutto...

da Mentre morivo (di William Faulkner)

Gli articoli - I passi dei libri

Il sentiero, liscio a forza di piedi e che ormai, a luglio, è cotto e duro che sembra di...


Leggi tutto...

I racconti

Inno alla Bellezza (di...

Gli articoli - I racconti

Vieni tu dal cielo profondo o sorgi dall'abisso, Beltà?
Leggi tutto...

La vita è troppo bella per...

Gli articoli - I racconti

Ho perdonato errori quasi imperdonabili, ho provato a sostituire persone insostituibili e...


Leggi tutto...

Ballate come se nessuno vi...

Gli articoli - I racconti

Per tanto tempo ho avuto la sensazione che la vita sarebbe presto cominciata, la vera vita! Ma...


Leggi tutto...

Il dilemma dei porcospini...

Gli articoli - I racconti

Alcuni porcospini, in una fredda giornata d'inverno, si strinsero vicini, vicini, per...


Leggi tutto...

Le recensioni

Noi siamo infinito (di Stephen Chbosky, Sperling & Kupfer) - recensione di Giancarlo Giuliani... In quel momento, ti giuro, ci siamo sentiti infiniti...

Gli articoli - Le recensioni

“Qui e ora noi siamo vivi, e giuro che siamo infinito.”
Nella vita di ognuno di noi esistono...


Leggi tutto...

Mama Kenya – Cuore d'Africa (di Lorena Gagliotta) - recensione di Massimo Gallus

Gli articoli - Le recensioni

Questa è la storia di tante storie messe insieme, vite di uomini, donne, bambini anziani. È il...


Leggi tutto...

I singolari... la nuova collana di short stories di Liberaria

Gli articoli - Le recensioni

Nel nuovo contesto librario che si sta creando con l'avvento degli ebook e la diffusione sempre...


Leggi tutto...

Fuori dal tempio. La Chiesa al servizio dell'umanità. (di Pierluigi Di Piazza) - recensione di Mauro Balbo

Gli articoli - Le recensioni

 

La Chiesa che don Pierluigi Di Piazza sogna non è la Chiesa delle gerarchie; non è quella...


Leggi tutto...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

 432 visitatori online