Contenuto Principale
Joseph Conrad e l'oceano
Gli articoli - I racconti
Giovedì 02 Agosto 2012 15:51

Quasi fosse troppo grande e troppo potente per le virtù comuni, l'oceano ignora compassione, fede, legge, memoria. La sua incostanza può essere mantenuta conforme ai propositi umani solo con una risolutezza indomita, e con una vigilanza insonne, armata, gelosa, in cui, forse, c'é sempre stato più odio che amore.

Odi et amo può ben essere la professione di fede di coloro i quali coscientemente o ciecamente hanno consegnato la propria esistenza al fascino del mare. Tutte le passioni tempestose dell'umanità quando era giovane, l'amore della rapina e l'amore della gloria, l'amore dell'avventura e l'amore del pericolo, insieme con il grande amore dell'ignoto e i vasti sogni di dominio e di potenza, sono passati come immagini riflesse in uno specchio, senza lasciare alcun segno sulla faccia misteriosa del mare. Impenetrabile e senza cuore, il mare non ha dato nulla di se stesso a coloro che ne hanno corteggiato i precari favori. Diversamente dalla terra, non si può soggiogarlo a nessun prezzo di pazienza e di fatica. Benché siano tanti coloro che il suo fascino ha adescato e condotto a una morte violenta, la sua immensità non é mai stata amata come sono state amate le montagne, le pianure, persino il deserto. Le stelle spuntarono innumerevoli nella notte chiara e riempirono tutta la volta del cielo. Scintillarono come cose vive sul mare e avvolsero tutt'intorno nella sua corsa la nave, più penetranti degli occhi fissi di una folla attenta ed imperscrutabile come sguardi umani. La traversata era cominciata e la nave, come un frammento staccato dalla terra, correva solitaria e rapida come un piccolo pianeta. Intorno ad essa gli abissi del cielo e del mare si univano in una irraggiungibile barriera. Una grande solitudine sembrava avanzare tutt'intorno con la nave, sempre mutevole e sempre eguale ed eternamente monotona ed imponente. Di tanto in tanto un'altra vela bianca errante carica di vite umane appariva lontano e spariva diretta verso il suo destino. Il sole dardeggiava la nave coi suoi raggi tutto il giorno e ogni mattina riapriva su di essa il rotondo occhio ardente pieno di curiosità insoddisfatta. Essa aveva il suo destino, viveva della vita di quegli esseri che si muovevano sopra i suoi ponti e come la terra che l'aveva confidata al mare trasportava un intollerabile carico di speranze e di rimpianti. Nel suo seno vivevano la verità timida e la menzogna audace; e come la terra essa era inconscia, bella a vedere e condannata dagli uomini ad un ignobile fato. L'augusta solitudine del suo cammino conferiva dignità al meschino scopo del suo pellegrinaggio. Essa filava schiumeggiando verso il sud come guidata dal coraggio di un'alta impresa. La ridente immensità del mare rimpiccoliva la misura del tempo. I giorni volavano uno dietro l'altro rapidi e luminosi come il guizzare di un faro, le notti brevi e piene di avvenimenti parevano fuggevoli sogni. Gli uomini se ne stavano raggomitolati ai loro posti ed ogni mezz'ora la campana di bordo regolava la loro vita di incessante lavoro. Notte e giorno la testa e le spalle d'un marinaio si profilavano in alto a poppa contro il sole o il cielo stellato immobili sopra la mobile ruota del timone. Le facce cambiavano succedendosi l'una dopo l'altra; facce giovani, barbute, torve, serene o corrucciate; ma tutte fatte rassomiglianti dal mare che affratella, tutte con la stessa espressione attenta degli occhi fissi a scrutare la bussola o le vele.

 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Dai lettori...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 02 Aprile 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da Edoardo) Siamo arrivati al terzo episodio dei racconti del commissario Nero, al secolo Franco Danzi con questo breve ma denso di contenuti quot; Il Matto con gli stivaliquot;. Marco Miele (l'autore) chiude il cerchio( ma si potrebbe riaprire in qualsiasi momento) dei racconti dei compagni di...
Leggi tutto...

Nel mare ci sono i coccodrilli di...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 31 Marzo 2017
Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda (consigliato da Emilia ) Consiglio vivamente di leggere questo libro , soprattutto ai ragazzi che vogliono avvicinarsi alla lettura .Storia vera e attuale di un bambino , oramai adulto, che attraversa il mare con un gommone per salvare la propria vita .Trama avvincente e sensazionale ....
Leggi tutto...

Il matto con gli stivali di Marco...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Domenica 12 Marzo 2017
Il matto con gli stivali di Marco Miele (consigliato da erica) Giallo in maremma da leggere...
Leggi tutto...

1984 di George Orwell (consigliato...

Consigli e classifiche - I consigli dei lettori
Venerdì 03 Marzo 2017
1984 di George Orwell (consigliato da pino) 5/5...
Leggi tutto...
Consiglia anche tu!

Chi mi consiglia una poesia?

Dolce far nulla (di Raymond Carver) ... bella... leggetela!!!

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Un attimo fa ho dato un'occhiata nella stanza
ed ecco quel che ho visto:
la mia sedia al suo...


Leggi tutto...

Sara Teasdale - Lo sguardo

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Strephon mi ha baciata a primavera,
Robin in autunno,
ma Colin mi ha guardata soltanto
e non mi ha...


Leggi tutto...

Via del campo (di Fabrizio De André)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Via del Campo c'è una graziosa
gli occhi grandi color di foglia
tutta notte sta sulla soglia
vende...


Leggi tutto...

Alda Merini - Io sono folle

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Io sono folle, folle, folle d'amore per te.
io gemo di tenerezza perché sono folle, folle,...


Leggi tutto...

I nuovi autori

In sostanza l'amore

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** In sostanza l'amore di Rossella Maggio *** Un uomo e una donna, alla ricerca ognuno...

Leggi tutto...

Inchiostro nero

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Inchiostro nero di Francesco Scarlata *** "Inchiostro nero" è una raccolta di tre ghost...

Leggi tutto...

L'ultimo uomo rimasto

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** L'ultimo uomo rimasto di Christian Gusmeroli *** Il racconto si struttura come una sorta...

Leggi tutto...

Il Vero Volto

Gli articoli - I nuovi autori
Immagine
*** Il Vero Volto di Lanfranco Pesci *** Durante una tranquilla notte, in diverse cittadine...

Leggi tutto...

I passi

da La vedova scalza (di Salvatore Niffoi)

Gli articoli - I passi dei libri

Me lo portarono a casa un mattino di giugno, spopolato e smembrato a colpi di scure come un...


Leggi tutto...

da Una burla riuscita (di Italo Svevo)

Gli articoli - I passi dei libri

Mario Samigli era un letterato quasi sessantenne. Un romanzo ch'egli aveva pubblicato...


Leggi tutto...

"La versione di Barney" di Mordecai Richler

Gli articoli - I passi dei libri

Tutta colpa di Terry. È lui il mio sassolino nella scarpa. E se proprio devo essere sincero, è...


Leggi tutto...

da Dove nessuno ti troverà (di Alice Giménez Bartlett)

Gli articoli - I passi dei libri

Barcellona, settembre 1956

Carlos Infante notò con soddisfazione che quella mattina il cielo...


Leggi tutto...

I racconti

Gioco d'azzardo (da...

Gli articoli - I racconti

Una notte d’estate, non più addietro di un mese e mezzo fa, li seguii giocare a carte. Le...


Leggi tutto...

I giorni perduti (di Dino...

Gli articoli - I racconti

 

Qualche giorno dopo aver preso possesso della sontuosa villa, Ernest Kazirra, rincasando,...


Leggi tutto...

"Il pensatore" di Mahatma...

Gli articoli - I racconti

Un giorno, un pensatore indiano fece la seguente domanda ai suoi discepoli:

"Perchè le persone...


Leggi tutto...

La cosa più ingiusta della...

Gli articoli - I racconti

La cosa più ingiusta della vita è il modo in cui finisce. Voglio dire, la vita è dura e impiega...


Leggi tutto...

Le recensioni

Quello che le mamme non dicono (di Chiara Cecilia Santamaria) - recensione di Monica Morgana

Gli articoli - Le recensioni

 

Quello che le mamme non dicono parla di una storia d’amore.
Una storia d’amore tra una mamma e...


Leggi tutto...

Il mio nome è rosso (di Orhan Pamuk) - recensione di Davide Dotto

Gli articoli - Le recensioni

Raffinato Effendi non si aspettava di morire, di essere ucciso. Era attaccato alla vita con...


Leggi tutto...

"La città punita" di Fabio Bertinetti (recensione di Rita Caramma)

Gli articoli - Le recensioni


 

recensione di Rita Caramma

Un intrigo nell'Anno Domini 1526. La storia è d’altri tempi, di...


Leggi tutto...

Le due facce dell'innocente (di Elie Wiesel, Garzanti)

Gli articoli - Le recensioni

Elie Wiesel, premio Nobel per la pace e sopravvissuto alla Shoà, è un pilastro della...


Leggi tutto...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

 669 visitatori online