Contenuto Principale
Le recensioni


Lo stravagante mondo di Mr. Fergesson (di Philip Dick)
Gli articoli - Le recensioni
Monday, 27 February 2012 08:59
There are no translations available.

Lo stravagante mondo di Mr Fergesson appartiene a un gruppo di romanzi realistici scritti da Philip K. Dick nella seconda parte degli anni ’50 del Novecento, quando lo scrittore californiano sperava ancora di affermarsi al di fuori del genere fantastico. Pubblicato per la prima volta in Inghilterra nel 1986 e solo più tardi negli Stati Uniti (2007), Lo stravagante mondo è una tragicommedia degli equivoci, ambientata nella baia di San Francisco alla fine degli anni ‘50. I protagonisti, rivenditori di auto usate e agenti immobiliari, in bilico tra penuria e ambizioni di compiere un salto sociale, svelano il genuino interesse di Dick verso i problemi sociali e familiari di personaggi comuni, degli average man, le cui vicende raccontano di un’America spaventata e piena di ansie e disegnano un tessuto realistico che, intaccato, si sfilaccia, lasciando intravedere uno strato sottostante di significati più complicati.

 
Le passioni dell'anima (di Raffaele Simone)
Gli articoli - Le recensioni
Sunday, 05 February 2012 11:28
There are no translations available.

«Tempeste di vento accompagnano la nostra avanzata, giorno e notte, con pioggia e senza: a momenti il vento è di tale violenza che pare svellere dal loro alloggiamento le assi della nave e gli alberi, che scricchiolano e si flettono come per ribellarsi alla forza che li opprime; in altri momenti è più blando ma sempre abbastanza potente da impedire le operazioni della navigazione e soprattutto, per quanto mi riguarda, ogni attività del pensiero.»

Dal Diario di monsieur Descartes, 5 settembre 1649

Il 1° settembre 1649, da un porto olandese, un viaggiatore straordinario si imbarca per Stoccolma. Chi invita in Svezia René Descartes è la regina Cristina, trionfatrice della Guerra dei Trent’anni, femme philosophe, che allo stuolo di eruditi di cui si è circondata vuole aggiungere, come culmine, il grande francese. A Stoccolma, che vive uno dei suoi autunni più gelidi e cupi, Descartes incontra amici fidati (l’ambasciatore di Francia Chanut e sua moglie Emilie), molta gente singolare (il pittore Machado, inetto nella pittura ma poeta esperto) e moltissima malfida. Rintanato in casa, isolato da tutti, in attesa della chiamata della regina, si rende conto che solo la vanità lo ha indotto al durissimo viaggio: la regina sembra aver perso interesse per lui, mentre gli si crea attorno un clima di dicerie e sospetti. Gli echi del mondo esterno gli arrivano, attutiti dal freddo, attraverso i racconti del valletto: la presenza invisibile del cancelliere Oxenstierna, l’ombra del re Gustavo Adolfo, il clima di doppiezza e di insidia alimentato da un fitto reticolo di spie. (continua...)

 
Pandereski (della giallista Cristiana Koll)
Gli articoli - Le recensioni
Tuesday, 10 January 2012 00:15
There are no translations available.

In un momento nel quale ci si convince che ogni crimine può essere risolto con il solo intervento della Polizia Scientifica, è davvero un sollievo poter leggere un romanzo la cui trama scorre bene e veloce grazie soprattutto ad una sequenza di eventi, brillantemente collegati tra loro, ma riconducibili tutti al 'vecchio' modo di fare gialli: l'indagine. "Pandereski", il cui titolo è rubato al nome di un fascicolo del controspionaggio intorno al cui contenuto è costruito il romanzo, parte in maniera tranquilla e rilassata, per poi procedere in una incalzante sequenza di avventure che vedranno la protagonista, Emma Parker, coinvolta in fughe, rapimenti, furti, omicidi e in altri tipi di reato indipendenti dalla sua volontà. Tutta la cronologia di eventi fa suo un continuo crescendo che sfocia in un epilogo inaspettato e che il lettore vive come il più classico dei colpi di scena. Inutile l'intenzione di volerlo riassumere in poche parole perchè sarebbe uno spreco di tempo e lo banalizzerebbe. L'autrice dosa sapientemente i tempi e le svolte improvvise del racconto; trasforma radicalmente la protagonista a metà dell'opera (sia caratterialmente che fisicamente) come se non volesse riprendere la narrazione ma ripartire creandone una nuova. Vivacità e dinamismo nelle scene e nei dialoghi lo contraddistinguono. Mi ricorda molto la prima Patricia Cornwell, quella di 'Oggetti di reato', libro che lessi in non più di due giorni e che terminai con la speranza di poterne leggere presto un altro. La trama è originale e si apprezza la ricerca fatta dalla Koll su specificità e particolari ben inseriti nel contesto.

 
Mandami una farfalla (di Alessio Masciulli)... da una storia vera e carica di umanità...
Gli articoli - Le recensioni
Monday, 09 January 2012 10:37
There are no translations available.

"Mandami una farfalla" è il prosieguo del romanzo "Credevo bastasse amare", dove l'autore, Alessio Masciulli, racconta una storia vera accaduta a Cugnoli (Pe) sei anni fa, un incidente stradale che ha tolto la vita alla sua ragazza di 25 anni, Silvia Luciani, dopo 11 anni trascorsi insieme. Un mese dopo si sarebbe laureata in psicologia con una tesi proprio sull’ottimismo e sul suo potere terapeutico nei bambini, non arrivando però mai al coronamento dei suoi progetti.
Della storia di Silvia all’epoca se ne parlò molto perché l’università di Chieti, nonostante lei avesse superato tutti gli esami tranne la discussione della tesi, si rifiutò di concederle la laurea per un cavillo burocratico costringendo la madre a presentare una pergamena fatta in casa da far firmare alla commissione, come ricordo dei sacrifici della figlia.
"Credevo bastasse amare" racconta ogni dettaglio, ogni momento della vita, della morte e dei giorni senza lei. Racconta come ci si ritrova soli e senza futuro da un giorno all’altro, come uno stupido incidente stradale causato da una bravata di gioventù di chi era alla guida, possa infrangere i sogni di una ragazza che si affaccia al mondo.
Il libro è stato portato nelle scuole, nelle università, in molte librerie italiane e nei luoghi dove poter arrivare il più possibile vicino ai ragazzi con un messaggio di amore per la vita e attenzione verso i pericoli della strada.

"Mandami una farfalla" riprende la narrazione di questa storia partendo dagli anni della solitudine e passando attraverso l'incontro di ragazze conosciute per caso su internet, tocca il tema dei social-network per marcare la loro colpa nel raffreddare i contatti umani. (continua...)

 
Alienor (di Gloriana Orlando) - recensione di Angelica Ruggeri... Un affascinante intreccio di passato e presente...
Gli articoli - Le recensioni
Sunday, 08 January 2012 22:55
There are no translations available.

 

Un lontano passato, un castello, un’amor de lohn (un amore da lontano), lettere, un diario... E poi intrighi, sospetti, gelosie... Sono questi gli ingredienti di Alienor il nuovo romanzo di Gloriana Orlando. Secondo il topos letterario del romanzo storico tutto ha inizio con il ritrovamento di un carteggio (naturalmente un manoscritto avrebbe detto Umberto Eco).

Alienor vive nel Castello Ursino di Catania, nel XIII secolo, Eleonora vive nella stessa città, ai giorni nostri. Cosa accomuna queste due donne le cui vite sono separate da più di sette secoli? Un segreto. Un segreto che Alienor ha amorosamente nascosto in un muraglione del Castello e che Eleonora ha casualmente scoperto.

 

 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 9 of 17

Chi mi consiglia una poesia?

Pablo Neruda - Sete di te m'incalza

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Sete di te m'incalza nelle notti affamate.
Tremula...


Read more...

Inverno lungo (di Antonia Pozzi)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Per un raggio di sole non è
lo sgelo.
Ancora l'intrico...


Read more...

Venivi innanzi uscendo dalla notte... (di Ezra Pound)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Venivi innanzi uscendo dalla notte
recavi fiori in mano
ora...


Read more...

Charles Baudelaire - Ti adoro

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

T'adoro al pari della volta notturna,
o vaso di tristezza, o...


Read more...

I passi

da Tenera è la notte (di Francis Scott Fitzgerald)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Sulla bella costa della riviera francese, a mezza strada...


Read more...

da Nessuno da di noi (di Simona Sparaco, Giunti)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Chiudo gli occhi. Attendo che la macchina si fermi da...


Read more...

da Il teatro di Sabbath (di Philip Roth)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

"Giura che non scoperai più le altre o fra noi è finita.


Read more...

Un po' di Tiziano Terzani

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

da "Buonanotte, signor Lenin"
Come spesso capita con le...


Read more...

I racconti

Al lupo! Al lupo! (di Esopo)

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

In un villaggio viveva un pastore che di notte doveva fare...


Read more...

"La gobba del cammello" di...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Narrerò ora, nel secondo racconto, come spuntò la gobba al...


Read more...

"La sindrome Boodman" di...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

“Ancora un momento, cara… Giusto il tempo di finire”.

Il...


Read more...

Il dilemma dei porcospini...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Alcuni porcospini, in una fredda giornata d'inverno, si...


Read more...

Le recensioni

Visioni variopinte (di Hamza Zirem, Arduino Sacco) - recensione di Lucianna Argentino

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

C’è molto in questo ultimo lavoro poetico di Hamza Zirem....


Read more...

L'Agnese va a morire (di Renata Viganò) - recensione di Davide Dotto

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

La guerra sembra finita. Tutti tornano a casa. Si...


Read more...

Le due facce dell'innocente (di Elie Wiesel, Garzanti)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

Elie Wiesel, premio Nobel per la pace e sopravvissuto alla...


Read more...

I singolari... la nuova collana di short stories di Liberaria

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

Nel nuovo contesto librario che si sta creando con...


Read more...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

We have 662 guests online