Contenuto Principale
I giorni perduti (di Dino Buzzati)
Gli articoli - I racconti
Monday, 27 June 2011 13:00
There are no translations available.

 

Qualche giorno dopo aver preso possesso della sontuosa villa, Ernest Kazirra, rincasando, avvistò da lontano un uomo che con una cassa sulle spalle usciva da una porticina secondaria del muro di cinta e caricava la cassa su di un camion.
Non fece in tempo a raggiungerlo prima che fosse partito. Allora lo inseguì in auto. E il camion fece una lunga strada, fino all’estrema periferia della città, fermandosi sul ciglio di un vallone.
Kazirra scese dall’auto e andò a vedere. Lo sconosciuto scaricò la cassa dal camion e, fatti pochi passi, la scaraventò nel dirupo che era colmo di migliaia e migliaia di altre cassi uguali.
Si avvicinò all’uomo e gli chiese: –Ti ho visto portar fuori quella cassa dal mio parco. Cosa c’era dentro? E cosa sono tutte queste casse?
Quello lo guardò è sorrise: –Ne ho ancora sul camion, da buttare. Non sai? Sono i giorni.

–Che giorni?
–I giorni tuoi.
–I miei giorni?
–i tuoi giorni perduti. I giorni che hai perso. Li aspettavi, vero? Sono venuti. Che ne hai fatto? Guardali, intatti, ancora gonfi. E adesso?
Kazirra guardò. Formavano un mucchio immenso. Scese giù per la scarpata e ne aprì uno.
C’era dentro una strada d’autunno, e in fondo Graziella, la sua fidanzata, che se n’andava per sempre. E lui neppure la chiamava.
Ne aprì un secondo e c’era dentro una camera d’ospedale, e sul letto suo fratello Giosuè che stava male e lo aspettava. Ma lui era in giro per affari.
Ne aprì un terzo. Al cancelletto della vecchia misera casa stava Duk, il fedele mastino, che lo aspettava da due anni, ridotto pelle e ossa. E lui non si sognava di tornare.
Si sentì prendere da una certa cosa qui, alla bocca dello stomaco. Lo scaricatore stava dritto sul ciglio del vallone, immobile come un giustiziere.
–Signore! – gridò Kazirra. –Mi ascolti. Lasci che mi porti via almeno questi tre giorni. La supplico. Almeno questi tre. Io sono ricco. Le darò tutto quello che vuole.
Lo scaricatore fece un gesto con la destra, come per indicare un punto irraggiungibile, come per dire che era troppo tardi e che nessun rimedio era più possibile. Poi svanì nell’aria, e all’istante scomparve anche il gigantesco cumulo delle casse misteriose. E l’ombra della notte scendeva.

 

Diventa amico di "Chi mi consiglia un libro?" richiedendo l'amicizia a questo profilo:

http://www.facebook.com/chimiconsigliaunlibro

In tal modo riceverai direttamente sulla tua mail consigli e articoli sui libri più belli da leggere e tante notizie dal mondo della letteratura.

 

Siamo già tantissimi!!! Ti aspettiamo!!!

 

Add comment

Security code
Refresh

Chi mi consiglia una poesia?

Alda Merini - Il mio passato

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Spesso ripeto sottovoce
che si deve vivere di ricordi solo


Read more...

Sono triste (di Else Lasker-Schüler)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

I tuoi baci fanno buio, sulla mia bocca.
Io non ti sono più...


Read more...

Antonia Pozzi - Canto della mia nudità

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Guardami: sono nuda. Dall'inquieto
languore della mia...


Read more...

Nazim Hikmet - Sei la mia schiavitù sei la mia libertà

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Sei la mia schiavitù sei la mia libertà
sei la mia carne che...


Read more...

I passi

da "Tropico del Cancro" di Henry Miller

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Abito a villa Borghese. Non un granello di polvere, non una...


Read more...

da Una burla riuscita (di Italo Svevo)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Mario Samigli era un letterato quasi sessantenne. Un...


Read more...

da Il grande gatsby (di Francis Scott Fitzgerald)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Negli anni più vulnerabili della giovinezza, mio padre mi...


Read more...

da Io e te (di Niccolò Ammaniti)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

La sera del diciotto febbraio duemila sono andato a letto...


Read more...

I racconti

La morte dell'impiegato...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Una magnifica sera un non meno magnifico usciere, Ivàn...


Read more...

Sentinella (di Fredric...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Era bagnato fradicio e coperto di fango e aveva fame e...


Read more...

"Il biglietto da visita"...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Alcune volte nella vita accadono fatti insoliti che non si...


Read more...

Viaggio in mare (di...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Se un viaggio in mare non significa altro che la solita...


Read more...

Le recensioni

Mandami una farfalla (di Alessio Masciulli)... da una storia vera e carica di umanità...

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

"Mandami una farfalla" è il prosieguo del romanzo "Credevo...


Read more...

Amore in saldi (di Flavio Venditti)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

In Ciociaria, terra senza confini e senza tempo, Emilio,...


Read more...

Anima Mundi (di Susanna Tamaro) - recensione di Davide Dotto

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

In principio pare vi fosse il vuoto e questo vuoto era una...


Read more...

Un viaggio nell'impero sovietico (recensione di Marco Longo)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

Se si ama la storia ma non si ha la possibilità di...


Read more...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

We have 688 guests online