Contenuto Principale
I giorni perduti (di Dino Buzzati)
Gli articoli - I racconti
Monday, 27 June 2011 13:00
There are no translations available.

 

Qualche giorno dopo aver preso possesso della sontuosa villa, Ernest Kazirra, rincasando, avvistò da lontano un uomo che con una cassa sulle spalle usciva da una porticina secondaria del muro di cinta e caricava la cassa su di un camion.
Non fece in tempo a raggiungerlo prima che fosse partito. Allora lo inseguì in auto. E il camion fece una lunga strada, fino all’estrema periferia della città, fermandosi sul ciglio di un vallone.
Kazirra scese dall’auto e andò a vedere. Lo sconosciuto scaricò la cassa dal camion e, fatti pochi passi, la scaraventò nel dirupo che era colmo di migliaia e migliaia di altre cassi uguali.
Si avvicinò all’uomo e gli chiese: –Ti ho visto portar fuori quella cassa dal mio parco. Cosa c’era dentro? E cosa sono tutte queste casse?
Quello lo guardò è sorrise: –Ne ho ancora sul camion, da buttare. Non sai? Sono i giorni.

–Che giorni?
–I giorni tuoi.
–I miei giorni?
–i tuoi giorni perduti. I giorni che hai perso. Li aspettavi, vero? Sono venuti. Che ne hai fatto? Guardali, intatti, ancora gonfi. E adesso?
Kazirra guardò. Formavano un mucchio immenso. Scese giù per la scarpata e ne aprì uno.
C’era dentro una strada d’autunno, e in fondo Graziella, la sua fidanzata, che se n’andava per sempre. E lui neppure la chiamava.
Ne aprì un secondo e c’era dentro una camera d’ospedale, e sul letto suo fratello Giosuè che stava male e lo aspettava. Ma lui era in giro per affari.
Ne aprì un terzo. Al cancelletto della vecchia misera casa stava Duk, il fedele mastino, che lo aspettava da due anni, ridotto pelle e ossa. E lui non si sognava di tornare.
Si sentì prendere da una certa cosa qui, alla bocca dello stomaco. Lo scaricatore stava dritto sul ciglio del vallone, immobile come un giustiziere.
–Signore! – gridò Kazirra. –Mi ascolti. Lasci che mi porti via almeno questi tre giorni. La supplico. Almeno questi tre. Io sono ricco. Le darò tutto quello che vuole.
Lo scaricatore fece un gesto con la destra, come per indicare un punto irraggiungibile, come per dire che era troppo tardi e che nessun rimedio era più possibile. Poi svanì nell’aria, e all’istante scomparve anche il gigantesco cumulo delle casse misteriose. E l’ombra della notte scendeva.

 

Diventa amico di "Chi mi consiglia un libro?" richiedendo l'amicizia a questo profilo:

http://www.facebook.com/chimiconsigliaunlibro

In tal modo riceverai direttamente sulla tua mail consigli e articoli sui libri più belli da leggere e tante notizie dal mondo della letteratura.

 

Siamo già tantissimi!!! Ti aspettiamo!!!

 

Add comment

Security code
Refresh

Chi mi consiglia una poesia?

T'amo per cominciare ad amarti,
 per ricominciare l'infinito... un'altra perla poetica di Pablo Neruda...

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Saprai che non t'amo e che t'amo

perché la vita è in due...


Read more...

"Ti amo come se mangiassi il pane" di Nazim Hikmet

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Ti amo come se mangiassi il pane
spruzzandolo di sale
come se...


Read more...

Sensazione (di Athur Rimbaud)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Nelle sere azzurre d'estate andrò per i sentieri,
pizzicato...


Read more...

Alda Merini - La terra santa

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Pensiero, io non ho più parole.
Ma cosa sei tu in sostanza?
Read more...

I passi

da La morte felice (di Albert Camus)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Erano le dieci del mattino e Patrice Mersault camminava con...


Read more...

da Il cappotto (di Nicolaj V. Gogol')

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Akakij Akakievic se la camminava nella più festosa...


Read more...

da "In alto a sinistra" di Erri De Luca

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Per un breve periodo scolastico evitai ogni contatto con la...


Read more...

da "Firmino" di Sam Savage

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Avevo sempre immaginato che la storia della mia vita, se un...


Read more...

I racconti

Ballate come se nessuno vi...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Per tanto tempo ho avuto la sensazione che la vita sarebbe...


Read more...

Ma sia come sia, è solo...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Ti dirò, anche se viaggi di paese in paese, per terre che...


Read more...

Il cuore rivelatore (di...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Sì; è vero – sono nervosissimo, spaventevolmente nervoso –...


Read more...

Porto meco uomini di...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Porto meco uomini di quest'isola e delle altre da me...


Read more...

Le recensioni

Ventotto domande per affrontare il futuro (di Theodore Zeldin, Sellerio)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

Questo libro ci spinge a una ricerca e a una scoperta,...


Read more...

"Il giardino di casa" di Pino Campo - recensione di Gaetano Barbagallo

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

recensione di Gaetano Barbagallo

Il giardino di casa...


Read more...

La nona ora (di Maurizio Ponticello, Bietti)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

In libreria il nuovo thriller di Maurizio Ponticello,...


Read more...

Ragione e pentimento (di Sandra Faè, goWare)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

Si può sopravvivere a un tradimento? Sulle note di questa...


Read more...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

We have 522 guests online