Contenuto Principale
Il profumo delle foglie di limone (di Clara Sanchez)
Gli articoli - Le recensioni
Wednesday, 16 February 2011 09:00
There are no translations available.

Spagna, Costa Blanca. Il sole è ancora molto caldo nonostante sia già settembre inoltrato. Per le strade non c'è nessuno, e l'aria è pervasa da un intenso profumo di limoni che arriva fino al mare. È qui che Sandra, trentenne in crisi, ha cercato rifugio: non ha un lavoro, è in rotta con i genitori, è incinta di un uomo che non è sicura di amare. È confusa e si sente sola, ed è alla disperata ricerca di una bussola per la sua vita. Fino al giorno in cui non incontra occhi comprensivi e gentili: si tratta di Fredrik e Karin Christensen, una coppia di amabili vecchietti. Sono come i nonni che non ha mai avuto. Momento dopo momento, le regalano una tenera amicizia, le presentano persone affascinanti, come Alberto, e la accolgono nella grande villa circondata da splendidi fiori. Un paradiso. Ma in realtà si tratta dell'inferno. Perché Fredrik e Karin sono criminali nazisti. Si sono distinti per la loro ferocia e ora, dietro il loro sguardo pacifico, covano il sogno di ricominciare. Lo sa bene Julian, scampato al campo di concentramento di Mathausen, che da giorni segue i loro movimenti passo dopo passo. Ora, forse, può smascherarli e Sandra è l'unica in grado di aiutarlo. Non è facile convincerla della verità. Eppure, dopo un primo momento di incredulità, la donna comincia a guardarli con occhi diversi. Adesso Sandra l'ha capito: lei e il suo piccolo rischiano molto. Ma non importa. Perché tutti devono sapere. Perché ciò che è successo non cada nell'oblio.

Recensione a cura di Wuz.it

 

 

 

 

 

 

Lo que esconde tu nombre, quello che il tuo nome nasconde: il titolo originale del libro di Clara Sánchez suona oscuramente minaccioso, a differenza di quello in italiano, “Il profumo delle foglie di limone”. Molto più adeguato alla trama del libro: la caccia a due criminali nazisti che si nascondono dietro l’innocuo aspetto di anziani turisti che si scaldano le ossa al sole delle spiagge spagnole.
Ci sono due voci narranti nel romanzo, le voci di due personaggi lontani l’uno dall’altro per età, sesso, esperienze di vita. Julián è un uomo anziano scampato ai campi di concentramento nazisti, dove era stato internato come prigioniero politico. Ora vive a Buenos Aires. Arriva nel paesino spagnolo perché ha ricevuto una lettera dall’amico Salva, suo compagno a Mauthausen, adesso in una casa di riposo sulla costa spagnola. Dentro la lettera c’era un ritaglio di giornale con una foto di due membri della comunità norvegese in Costa Blanca. L’uomo e la donna della foto sono invecchiati rispetto a come li ricorda Julián, ma perfettamente riconoscibili: sono Fredrik e Karin Christensen che continuano a riapparire negli incubi di Julián e di Salva.
Sandra è poco più che trentenne, un anellino al naso, ciocche rosse nei capelli. È incinta, ma non è certa di voler sposare il padre del bambino. È venuta a stare per un po’ di tempo nel villino estivo della sorella. Un giorno accusa un malore sulla spiaggia, e viene soccorsa da Fredrik e Karin. Inizia così un’amicizia improbabile tra la giovane Sandra e quelli che fanno di tutto per presentarsi come “nonni sostituti”.
I vantaggi per Sandra sono evidenti: la villa dei norvegesi è splendida; lei viene pagata per fare la dama di compagnia della vecchia Karin; inizia a fantasticare di poter diventare l’erede dei due vecchi. Gli scopi dei Christensen nel coltivare l’amicizia della spagnola sono molto più ambigui; ad un certo punto nella mente di Sandra affiora il ricordo del film Rosemary’s baby… È chiaro, a questo punto, che Sandra, nella sua ingenuità (diciamo pure nella sua ignoranza), può diventare un aiuto inconsapevole per Julián, che sente di avere il dovere di proseguire da solo nella caccia ai nazisti, seguendo la traccia dell’amico Salva che è morto prima che lui arrivasse. Pur sentendosi in colpa, Julián sfrutta l’intimità che Sandra ha con gli ex aguzzini (un criminale può mai diventare un ex criminale?), fa di lei la sua infiltrata, la mette più di una volta in situazioni pericolose per ottenere prove certe che i Christensen siano veramente le persone che lui pensa; per verificare che non siano i soli nazisti che si sono rifatti una vita al sole godendo scopertamente delle ricchezze rubate alle loro vittime.
Il profumo delle foglie di limone ha un ritmo velocissimo, è impossibile interromperne la lettura, presi dalla curiosità di sapere cosa stiano tramando i vecchi nazisti e quale sia la composizione delle fiale che si iniettano, con il fiato sospeso per i rischi che corre Sandra nella sua incoscienza, seguendo le orme di Julián che ormai non si accontenta più di aver trovato “solo” due vecchie conoscenze e che diventa un altro “nonno sostituto” per l’amabile Sandra (la quale pare conoscere molto poco la storia d’Europa nel ‘900).
Il lettore più sensibile, tuttavia, può finire per risentirsi un poco nell’essere letteralmente irretito dalla narrazione. Perché una parte lucida della sua mente avverte che la vicenda dei cacciatori di nazisti sfrutta la fascinazione del Male che si è attuato nel modo scientificamente programmato che sappiamo, e fa sembrare una eccitante avventura la ricerca dei colpevoli

(A cura di Wuz.it )

 

Add comment

Security code
Refresh

Chi mi consiglia una poesia?

Notte dell'amore insonne (di Federico Garcia Lorca)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Notte alta, noi due e la luna piena;

io che piangevo, mentre...


Read more...

Alda Merini - Apro la sigaretta

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Apro la sigaretta
come fosse una foglia di tabacco
e aspiro...


Read more...

Sibilla Aleramo - Rose calpestava

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Rose calpestava nel suo delirio
e il corpo bianco che amava.
Read more...

Per poco (di Sara Teasdale)... bellissima...

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

 

E quando sarò andata, andata via,
il mio canto potrà forse...


Read more...

I passi

da "Mille splendidi soli" di Khaled Hosseini

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Imparalo adesso e imparalo bene, figlia mia. Come l'ago...


Read more...

da "Ragionevoli dubbi" di Gianrico Carofiglio

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Quando Margherita disse che doveva parlarmi, pensai che...


Read more...

da Là comincia il messico (di Gualberto Alvino, Polistampa)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

E tuttavia ti farò credito, ancora una volta, l'ultima,...


Read more...

da Fahrenheit 451 (di Ray Bradbury)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Era una gioia appiccare il fuoco. Era una gioia speciale...


Read more...

I racconti

Non riesco a saziarmi di...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Ma, perché tu non mi creda libero ormai da tutti gli umani...


Read more...

Sentinella (di Fredric...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Era bagnato fradicio e coperto di fango e aveva fame e...


Read more...

L'indovina (di Stefano Benni)

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

L’indovina Amalia, famosa cartomante, accolse il cliente...


Read more...

Luigi Pirandello... un...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

 

Mie ultime volontà da rispettare

I. Sia lasciata passare...


Read more...

Le recensioni

Pandereski (della giallista Cristiana Koll)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

In un momento nel quale ci si convince che ogni crimine può...


Read more...

"Chiedi alla polvere" di John Fante

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

"Chiedi alla polvere" è un romanzo costruito su tre storie....


Read more...

“Ricomincio- La regola delle quattro C” di Salvatore Borrelli (recensione di Giuseppe Labate)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

a cura di Giuseppe Labate

 

“L’amore è dare quello che non...


Read more...

Andavamo a morire per un pezzo di pane (di Marco Longo)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

"La catastròfa - Marcinelle 8 agosto 1956" di Paolo Di...


Read more...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

We have 321 guests online