Contenuto Principale
"La scoperta del Fuoco" di Giuseppe Labate
Gli articoli - I racconti
Sunday, 07 November 2010 13:04
There are no translations available.

All’improvviso qualcosa fece rumore, proprio dai cespugli dietro di me. Girai lentamente la testa e presi la mia lancia: aspettavo ormai solo che qualche animale uscisse allo scoperto. Mi sarei aspettato un essere a quattro zampe o una lepre ed invece mi apparve una creatura simile ad una di quelle che, ogni volta, vedo sull’acqua quando mi avvicino. Sembrava poter parlare la mia lingua, ma non ci capivamo. Stranamente non ebbi paura, abbassai la lancia e mi avvicinai.

 

Solo quando andavo al fiume con le altre, avevo visto una creatura simile sullo specchio dell’acqua: adesso questa si stava lentamente avvicinando a me. Aveva molti hee-eeli e l’avrei scambiato per un animale selvaggio se non mi fossi accorta, con molta attenzione, che anche lui usava coprirsi con pelli di orso. Si era avvicinato e adesso mi stava odorando. Io al momento non sapevo cosa fare e non feci niente, fino a quando i nostri visi furono vicinissimi.

Avevo sempre avuto la curiosità di capire cosa ci fosse dentro una creatura e cercai l’unica cavità che sembrava poter rivelare qualcosa: portai il mio viso alla sua Uoca-uocca e cercai di aprirla delicatamente. A quel punto quella creatura fece qualcosa di strano, di cui non avevo mai sentito parlare e che, soprattutto, non avevo mai provato.

I nostri corpi si strinsero ancora di più, come se una forza magica ci avesse catturato insieme. Quando fu abbastanza vicino, cominciai a strofinare le mie ahi-abbra sulle sue: la cosa dovette piacergli molto perché smise subito di curiosare. Poi lui improvvisamente si staccò.

Una sera, mentre tutti gli altri nella grotta dormivano, avevo scoperto che, in un posto dentro di me, c’è un luogo dove si sente un rumore strano: un continuo bbuuum-bbuuum. Proprio a quell’altezza avevo sentito, quando mi ero stretto a quella creatura, che due sassi morbidi si erano appoggiati sulla mia pelle. Solo quando mi allontanai, capì subito cosa fosse stato! Quella creatura aveva sul suo corpo due di quei frutti che vedevo sempre sugli alberi: le Ele-mele, le chiamano i miei amici della grotta.

Non sapevo cosa l’avesse sorpreso, ma stavolta fui io ad avvicinarmi. L’annusai e cominciai ad esplorare la materia di cui era formato e notai molta somiglianza con la mia. Con la mia mano, notai su di lui una larga ef-rhita sul viso, e questa cosa dovette renderlo triste. Stava pensando a quell’episodio forse, uno scontro con una tigre, da solo, in mezzo alla giungla. All’improvviso, un rumore tremendo si sentì sopra di noi e qualcosa di straordinario apparve su un albero.

Non credevo ai miei occhi. Qualcosa di violento era sceso dal cielo ed aveva rotto un albero di fronte a noi. C’era qualcosa di rosso sul tronco, una cosa molto strana che non avevo mai visto. Era una specie di albero magico, che non si spegneva, non finiva di fare i suoi giochi colorati: mi avvicinai e lo fece anche quella creatura.

Non avevo mai visto nulla del genere. Avevo paura, ma mi nascosi dietro quella creatura perché sapevo che mi avrebbe protetta. Sentivo qualcosa di strano sulla mia pelle, come se qualcuno mi stesse toccando, ma non potevo vederlo. Quella creatura mise una mano sull’albero e la tolse subito: scuoteva nell’aria le dita della mano, in un gesto di dolore. Con gli occhi, capì che ero preoccupata per lui. Imparò subito cosa fare. Stavolta fu lui ad avvicinare la sua Uoca-uocca alla mia e rimanemmo così tutto il tempo, fino a quando non smise di cadere Aha-qqua dal cielo.

Anche oggi pioveva e io avevo dimenticato l’ombrello. Nella mia mente, ripercorrevo le tappe che avevano portato l’uomo a tutto questo: il computer, la macchina, il treno..e anche l’ombrello che avevo lasciato a casa. Aspettavo con ansia Giulia alla stazione e mi chiedevo cosa avesse fatto, quando mi avrebbe visto. Ero ansioso: il treno era arrivato. Lei non si vedeva, ma cercavo di alzarmi sulle punte per andare oltre con lo sguardo, ma c’erano solo altri ombrelli con la gente chiusa dentro. All’improvviso, sentì un rumore dietro di me e vidi un pezzo di cappotto che mi voleva coprire la testa. Di fronte ai miei occhi, in quello spazio piccolo, vedevo Giulia sorridere di gusto: mi aveva preso alle spalle. Eravamo io e lei adesso. E pensai alla prima volta in cui un uomo incontrò una donna: la scoperta del fuoco.

 

Add comment

Security code
Refresh

Chi mi consiglia una poesia?

Il viaggio (di Charles Baudelaire) ... i veri viaggiatori partono per partire... i loro desideri hanno la forma delle nuvole...

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Per il ragazzo, amante delle mappe e delle stampe,
Read more...

Mi piaci quando taci perché sei come assente... grande Pablo Neruda... bellissimi versi d'amore... leggeteli e fateli girare!!!

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Mi piaci quando taci perché sei come assente,
e mi ascolti...


Read more...

Jacques Prévert - Alicante

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

                               
Un'arancia sul tavolo
Il...

Read more...

Sulla strada esco solo (di Michail Lermontov)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Sulla strada esco solo.
Nella nebbia è chiaro il cammino...


Read more...

I passi

da "Gomorra" di Roberto Saviano

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Il container dondolava mentre la gru lo spostava sulla...


Read more...

da Paula (di Isabel Allende)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Sentii che mi stavo immergendo in quell'acqua fresca e...


Read more...

Krisztina (da "Le motivazioni di Elena" di Giancarlo Giuliani)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Novità rispetto a ieri è la presenza di Krisztina, una...


Read more...

da "L'eleganza del riccio" di Muriel Barbery

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Il bello è ciò che cogliamo mentre sta passando. È...


Read more...

I racconti

L'indovina (di Stefano Benni)

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

L’indovina Amalia, famosa cartomante, accolse il cliente...


Read more...

Viaggio in mare (di...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Se un viaggio in mare non significa altro che la solita...


Read more...

I giorni perduti (di Dino...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

 

Qualche giorno dopo aver preso possesso della sontuosa...


Read more...

Sul palcoscenico a cinque...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

All'età di cinque anni feci la mia prima apparizione sul...


Read more...

Le recensioni

Il mondo sommerso (di Martina Savoia) - recensione di Eryr

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

"Il mondo sommerso" è un microcosmo sconosciuto, fatto di...


Read more...

Alienor (di Gloriana Orlando) - recensione di Angelica Ruggeri... Un affascinante intreccio di passato e presente...

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

 

Un lontano passato, un castello, un’amor de lohn (un...


Read more...

Le braci (di Sandor Marai) - recensione di Raffaella Foggia

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

La storia di Heinrich e Konrad è la storia di un'attesa...


Read more...

“La Mafia spiegata ai ragazzi” di Antonio Nicaso, per riconoscere “il sentiero dei nidi di ragno” - recensione di Giuseppe Calvino (Gila)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

 

“Dentro la mafia c’è tutto. Il mafioso è come un ragno....


Read more...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

We have 708 guests online