Contenuto Principale
Dai cani (di Helle Helle, Atmosphere) - recensione di Rosa Giuliani
Gli articoli - Le recensioni
Sunday, 21 October 2012 18:25
There are no translations available.

Nella vita di Bente non c’è più spazio per nulla. Sola, alla fermata di un autobus che non è destinato ad arrivare, alla ricerca di un posto dove piangere. Non ha programmi, non può. Segue gli eventi. E seguire gli eventi a volte è proprio quello che serve...

Questa storia ha la forza e il carattere di una storia che potrebbe succedere ad ognuno di noi, o forse è già successa. Ecco perché dopo aver iniziato a leggere “Dai cani” non si può più smettere. Chi non è mai stato alla fermata di un autobus senza avere avuto particolare interesse per l’arrivo dello stesso? Solo per il desiderio di vuoto, per il desiderio di mettere un punto chiaro tra tutto quello che c’è stato prima e quello che ci sarà poi. Chi non ha mai sentito il desiderio di svuotarsi di tutte le cose inutili che ha raccolto nel tempo? Bente ce l’ha quel desiderio. Alcuni lo chiamano esaurimento, ma forse questa parola non rende quello che veramente succede. Esaurimento indica la fine, ed è vero anche questo c’è, ma quello che Bente vuole in fondo è un nuovo inizio… asciutto, nitido, netto. E lo trova nelle azioni normali, basilari cui spesso non prestiamo attenzione, confusi da altro… un buon sonno, un buon pasto, una doccia e la regolarità delle azioni più semplici, non per obbligo, ma per piacere, quasi fosse un ritorno agli istinti basilari: mangiare per fame, dormire per stanchezza, conversare per piacere. La scrittura del libro è l’unica che avrebbe potuto accompagnare la storia di Bente, asciutta, nitida e netta pure lei, a tratti rigida come quel vento freddo che c’è alla fermata dell’autobus, ma anche essenziale e necessaria, come il silenzio nella landa danese, che sembra fare tanto bene all’animo. Si riesce a sentire il freddo sulle proprie guance quando Bente si muove in bici e si ha voglia di pane e formaggio o una buona tazza di caffè quando Bente ne prepara per sé. L’autrice, Helle Helle, scarta con sapienza inutili parole per portare davanti agli occhi del lettore una storia bella e verosimile, che fa bene a tutti. Piacevole lettura che inneggia alla semplicità delle azioni e della parola. Da non perdere.

(a cura di Rosa Giuliani)

 

Add comment

Security code
Refresh

Chi mi consiglia una poesia?

Dopo la separazione (di Sara Teasdale)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Oh, ho seminato il mio amore così ampiamente
che egli lo...


Read more...

Mi piaci quando taci perché sei come assente... grande Pablo Neruda... bellissimi versi d'amore... leggeteli e fateli girare!!!

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Mi piaci quando taci perché sei come assente,
e mi ascolti...


Read more...

Come ti amo? Ora ne conto i modi (di Elizabeth Barrett Browning)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Come ti amo? Ora ne conto i modi.
Ti amo quanto profondo e...


Read more...

Amai teneramente dei dolcissimi amanti senza che essi sapessero mai nulla. (di Alda Merini)... LEGGETELA!!!

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Amai teneramente dei dolcissimi amanti

senza che essi...


Read more...

I passi

da Aspetta primavera (di John Fante)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Avanzava, scalciando la neve profonda. Era un uomo...


Read more...

Un po' di Pasolini

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

 

da "Ragazzi di vita"
Era una caldissima giornata di...


Read more...

da "Viaggio in Portogallo" di José Saramago

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Il viaggio non finisce mai. Solo i viaggiatori finiscono. E...


Read more...

Un po' di Dostoevskij

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Alcuni brani tratti dalle opere maggiori del grande...


Read more...

I racconti

Caporali si nasce (di...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

L'umanità l'ho divisa in due categorie di persone: uomini e...


Read more...

"La storia della matita"...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Il bambino guardava la nonna che stava scrivendo la...


Read more...

Viaggio in mare (di...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Se un viaggio in mare non significa altro che la solita...


Read more...

Il treno ha fischiato (di...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Farneticava. Principio di febbre cerebrale, avevano detto i...


Read more...

Le recensioni

Emanuela. Una piccola questione di tempo (di Anna Franceschi, Editori Riuniti) - recensione di Giancarlo Giuliani

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

Prendete una poliziotta romana che vanta centinaia di...


Read more...

La lunga attesa dell'angelo (di Melania G. Mazzucco) - recensione di Anna Maria Pinna

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

La lettura dell’appassionante romanzo, non biografia, “La...


Read more...

Le braci (di Sandor Marai) - recensione di Raffaella Foggia

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

La storia di Heinrich e Konrad è la storia di un'attesa...


Read more...

Lettera a un bambino mai nato (di Oriana Fallaci) - recensione di Ilaria de Lillo

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

Non è una questione di femminismo, forse di religione,...


Read more...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

We have 548 guests online