Contenuto Principale
da Il fantasma di Canterville (di Oscar Wilde)
Gli articoli - I passi dei libri
Wednesday, 22 August 2012 15:32
There are no translations available.

Quando il signor Hiram B. Otis, l'ambasciatore degli Stati Uniti d'America, acquistò Canterville Chase tutti gli dissero che stava commettendo una grave sciocchezza, giacché non v'era alcun dubbio che quel luogo fosse abitato da un fantasma.

Addirittura lo stesso lord Canterville, uomo di specchiata onestà, aveva considerato proprio dovere farne menzione al signor Otis quando si accinse a discutere con lui le condizioni di compravendita.

"Noi stessi non abbiamo più voluto saperne di viverci", disse lord Canterville, "da quando la mia prozia, la duchessa madre di Bolton, ebbe un attacco di nervi dal quale non si sarebbe mai più ripresa del tutto, per lo spavento arrecatole da due mani scheletriche che si erano posate sulle sue spalle mentre si stava abbigliando per il pranzo, e mi sento in obbligo di dirvi, signor Otis, che il fantasma è stato visto da numerosi membri della mia famiglia, tuttora viventi, e persino dal titolare della parrocchia, il reverendo Augustus Dampier, che è membro del King's College di Cambridge. Dopo il malaugurato incidente occorso alla duchessa, nessuna delle nostre cameriere più giovani volle più restare al nostro servizio, e lady Canterville molte volte dormì pochissimo, la notte, per via dei misteriosi rumori che provenivano dal corridoio e dalla biblioteca".

"Milord", rispose l'ambasciatore, "prenderò il mobilio e il fantasma insieme a esso, al prezzo stimato. Provengo da un paese moderno dove abbiamo tutto ciò che il denaro può comperare; e con tutta la nostra esuberante gioventù a farne di tutti i colori nel Vecchio Continente e a portarsi via il meglio delle vostre attrici e delle vostre primedonne, ritengo che se davvero in Europa esistesse una cosa del genere, un qualche fantasma, lo porteremmo in un batter d'occhio nel nostro paese, in un museo pubblico, oppure per strada, come attrazione".

"Temo proprio che il fantasma esista" disse lord Canterville, sorridendo, "anche se può avere resistito alle profferte dei vostri intraprendenti impresari. Lo si conosce, e bene, da tre secoli, precisamente dal 1584, e fa sempre la sua comparsa nell'imminenza della morte di un membro della nostra famiglia".

"Ah, se è per questo, è così anche per il medico di famiglia, lord Canterville. Però i fantasmi non esistono, mio caro signore, e presumo che le leggi di natura non contemplino eccezioni per l'aristocrazia britannica."

"In America siete certamente del tutto secondo natura" rispose lord Canterville che tuttavia non aveva ben compreso l'ultima osservazione del signor Otis, " e se a voi non disturba un fantasma dentro casa, va bene così. Ricordate però che vi avevo avvertito".

 

Add comment

Security code
Refresh

Chi mi consiglia una poesia?

Te (di Kahlil Gibran)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Farò della mia anima uno scrigno
per la tua anima,
del mio...


Read more...

che fra tutte le cose naturali... un'altra perla di Pablo Neruda... bellissima!!!

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Riportami, o sole,
al mio destino agreste,
pioggia del...

Read more...

Come posso dire (di Karin Maria Boye)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Come posso dire se la tua voce è bella...

Read more...

Torna (di Costantinos Kavafis)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Torna sovente e prendimi,

palpito amato, allora torna e...


Read more...

I passi

da Aspetta primavera (di John Fante)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Avanzava, scalciando la neve profonda. Era un uomo...


Read more...

da "Il cacciatore di aquiloni" di Khaled Hosseini

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Sono diventato la persona che sono oggi all'età di 12 anni,...


Read more...

da "La campana di vetro" di Sylvia Plath

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Fu un'estate strana, soffocante, l'estate in cui i...


Read more...

da Come le mosche d'autunno (di Irène Némirovsky)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Scrollò la testa e disse, come una volta: "Dunque addio,...


Read more...

I racconti

La cosa più ingiusta della...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

La cosa più ingiusta della vita è il modo in cui finisce....


Read more...

Al lupo! Al lupo! (di Esopo)

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

In un villaggio viveva un pastore che di notte doveva fare...


Read more...

Si potrebbe quasi (di...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

"Ci sono giorni in cui si potrebbe quasi..."

Si potrebbe...


Read more...

"La gobba del cammello" di...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Narrerò ora, nel secondo racconto, come spuntò la gobba al...


Read more...

Le recensioni

Sempre qui! (di Michele Cassano, Gelsorosso) - recensione di Giancarlo Giuliani

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

Michele Cassano con il suo libro ci regala oltre che un...


Read more...

Il ragazzo del destino (di Elena Gattuso)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

Il Destino, un insieme di eventi inevitabili e non solo....


Read more...

"Il giardino di casa" di Pino Campo - recensione di Gaetano Barbagallo

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

recensione di Gaetano Barbagallo

Il giardino di casa...


Read more...

Quello che le mamme non dicono (di Chiara Cecilia Santamaria) - recensione di Monica Morgana

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

 

Quello che le mamme non dicono parla di una storia...


Read more...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

We have 1729 guests online