Contenuto Principale
Melodie e altre storie... (di Armando Maschini) - Recensione di Fabrizio Bianucci
Gli articoli - Le recensioni
Saturday, 21 July 2012 08:58
There are no translations available.

Capita di gironzolare in bicicletta – anzi per la precisione su una sorta di tandem, la BiBici - per le vie della mia città, nei sempre più rarissimi momenti di sano ozio "cazzeggiante" direbbero i giovani oggi e qualche attore di cabaret, momenti nei quali gusti, riassapori il piacere di vagare senza meta, se non fossi in bici, ad occhi in su e la testa tra le nuvole, esplorando il rifatto centro storico della tua cittadina alle porte della grande Milano.

Non capita per caso, invero, tutti i giorni di imbattersi in un'enorme vetrina di libreria, interamente azzurrata e risplendente delle stelle delle copertine in bella mostra di un libro di favole per piccini e adulti (specie per i grandi, ché ne dovrebbero essere affamati, di favole!). Be', a me è successo una mattina calda e assolata di inizio giugno, verso l'ora del meriggio: lascio la bici incustodita ed entro subito in libreria, chiedo al libraio il permesso di sfogliare un attimo il libro, protagonista unico della vetrinona, cento pagine circa, poi lo annuso come faccio sempre con i libri per consuetudine atavica, buona carta non patinata, stampa e caratteri grandi (da libro di fiabe), poi vedo la foto , viso rassicurante "da buono", dell'autore nel risvolto, leggo le sinapsi editoriali e la breve biografia. Lo compro. Corro a casa. Pranzo sobrio con mia moglie e poi mi "fiondo" subito in terrazzo a leggerlo. Tutto d'un fiato, magia delle fiabe, come quando ero bimbo. Magicamente torno indietro ai Grimm brothers, ad Andersen, a Perrault. I ricordi mi affiorano dagli strati più profondi della memoria, si affastellano, e quindi ripenso con nostalgia, meglio con saudade alla portoghese, alla mia amata nonnina materna, la mia affabulatrice personale, “personal teller”! E' il caso proprio di dire: affabulatrice.
Armando Maschini, che scopro di lì a poco essere mio concittadino, facendo una semplice ricerca sul web,ormai strumento indispensabile e insostituibile e quasi mio dirimpettaio, abitiamo a poche centinaia di metri di distanza, è l'autore di questa splendida raccolta di dodici fiabe e con la prima - che pure è il titolo del libro -"Melodia" ha vinto un bellissimo premio per esordienti, un "contest". Naturalmente, lo scrivere è la sua passione e non il suo lavoro, fa ben altro. Ma scrivere fiabe, oggi, non è da tutti, ci vuole un mix di ingredienti quasi spariti: capacità tecnica, saper toccare con la stessa parola grandi e piccini, Amore, Sensibilità, Fantasia, caparbietà e varie doti di osservazione sociale, oltre che Carità e Cura, nel senso di aver cura dell'altro. Anche e specie se sconosciuto. Insomma il Prossimo evangelico.
La melodia che guarisce, nella fiaba vincitrice, racconta la storia -vera- di una bimba affetta da un male killer e le note,il suono, le vibrazioni musicali, animiche, spirituali io le immagino risuonare nel Cosmo come il pentascore-motivo di "Incontri ravvicinati" il grande film di Spielberg: musica, Luce, colore-calore, lo spazio-tempo infranto, la musicalità che guarisce, la Felicità pura che porta alla Conoscenza, alla gnosis direbbero alcuni. Il conosci te stesso socratico e delfiano, per autoguarire e autoilluminarsi, cercando la verità dentro di sé anziché nelle apparenze. Anche tramite una favola. Il " mi illumino di immenso" del grande ermetico Ungaretti.
Queste fiabe sprigionano una grande energia cosmica spirituale ( almeno io la vedo così, da esoterico in senso stretto qual sono...) e magica, fatta di Amore verso tutte le creature... dal sasso, al filo d'erba, alla coccinella, anzi alla “coccilucciola” ,all'uomo. Il linguaggio è semplice e intuitivo,ma profondo, in modo da creare interattività tra narratore e ascoltatore ed educare alla sensibilità, al sentire interiore, ad essere corpo,mente e spirito e magari anche qualche altro mezzo più sottile.
E' un viaggio anche nel regno del sovrannaturale, come in tutte le fiabe, dove a volte realtà e fantasia oniricamente si fondono in un caleidoscopio di immagini e colori al di là del fisico e sensibile. Sicuramente l'Autore sa molto di parapsicologia, di magia buona, di arti esoteriche e di molta spiritualità, religiosa e laica. E tutte queste caratteristiche le ritroviamo in ogni fiaba, dal Camillo di "Ma dove vanno le stelle?" e la Coscienza del Cosmo pulsante, all'Arianna de "Le camerette evanescenti", a "Uno strano pacchetto di patatine", agli "spiriti elementali o elementari", che dir si voglia, de "Lo gnomo del materasso" che abbonda di elfi,ondine,gnomi e fatine magari di celtica memoria, chissà?!?
La raccolta è dedicata proprio a Benedetta, la bimba che ha vinto la malattia di "Melodia" e alla famiglia dell'autore, che vive per loro e in loro, in una osmosi diretta e continua.
Mi è vibrato il cuore,posso dirlo?, leggendo queste bellissime e poetiche pagine, ammaestramenti e sì che sono ormai quasi nonno e per giunta anche maschio, quindi dovrei essere forte e restio ai facili sussulti emotivi. Ma non è vero niente: noi siamo tutto e uno, uno partecipe dell'altro. Per la Verità che è in ...noi! Basta capirsi ed essere sulla stessa frequenza spirituale, emotiva, astrale. Delle cose animate e inanimate, in questa realtà illusoria che è il mondo fisicamente percepito. E meno male che ci rimane la Fantasia, e quindi la favola, che ci può portare “al di là” del comune sentire!
L'altra parola che va a braccetto con “Amore”, di cui Armando Maschini fa un uso totale è: Speranza. Infatti in epigrafe riporta un pensiero stupendo della poetessa Emily Dickinson che così recita: " La speranza è un essere piumato che si posa sull'anima,canta melodie senza parole e non finisce mai...". Solo un autore illuminato può scrivere tali novelle e riportare un tal pensiero, in un mondo, l'attuale nostro, fatto di solo apparire e poco Essere!
Nota tecnica al volume: per una totale pedagogica interattività i bei disegni a corredo tra un racconto e l'altro sono lasciati volutamente in bianco e nero per essere colorati fantasiosamente dai lettori bimbi ( o dai nonni, papà mamme, affabulatori).
Buona lettura!

(recensione di Fabrizio Bianucci)

 

Add comment

Security code
Refresh

Chi mi consiglia una poesia?

Io ti chiesi (di Hermann Hesse)... bella...

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Io ti chiesi perché i tuoi occhi
si soffermano nei miei
come...


Read more...

Nazim Hikmet - Ciò che ho scritto di noi

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Ciò che ho scritto di noi è tutta una bugia
è la mia...


Read more...

Alda Merini - Apro la sigaretta

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Apro la sigaretta
come fosse una foglia di tabacco
e aspiro...


Read more...

Strade (di Ruth Bidgood)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Inutile chiedersi che lago protetto da aironi
si trovava...


Read more...

I passi

da La casa del sonno (di Jonathan Coe)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Era l'ultima lite, almeno questo era chiaro. Ma benché...


Read more...

da Aspetta primavera (di John Fante)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Avanzava, scalciando la neve profonda. Era un uomo...


Read more...

da I funeracconti (di Benedetta Palmieri)... noi uomini non siamo fatti per essere lasciati soli... leggetelo!!!

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

  

Mia moglie è morta, spiazzandomi. Non ero pronto, noi...


Read more...

da Come le mosche d'autunno (di Irène Némirovsky)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Scrollò la testa e disse, come una volta: "Dunque addio,...


Read more...

I racconti

Gioco d'azzardo (da...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Una notte d’estate, non più addietro di un mese e mezzo...


Read more...

"L'indovina" di Stefano Benni

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

L’indovina Amalia, famosa cartomante, accolse il cliente...

Read more...

Il dilemma dei porcospini...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Alcuni porcospini, in una fredda giornata d'inverno, si...


Read more...

Risveglio (di Anthony De...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Un tale bussa alla porta di suo figlio: "Paolo",
dice,...


Read more...

Le recensioni

“Ricomincio- La regola delle quattro C” di Salvatore Borrelli (recensione di Giuseppe Labate)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

a cura di Giuseppe Labate

 

“L’amore è dare quello che non...


Read more...

"Intrighi e Nobiltà" di Luigi Imperatore (recensione di Sonia Argiolas)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

Forse amo gli intrighi un po’ meno la nobiltà, di sicuro non...


Read more...

Mama Kenya – Cuore d'Africa (di Lorena Gagliotta) - recensione di Massimo Gallus

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

Questa è la storia di tante storie messe insieme, vite di...


Read more...

Qualcosa di scritto (di Emanuele Trevi, Ponte Alle Grazie)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

"Sono rarissimi gli incontri che davvero, come si dice,...


Read more...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

We have 671 guests online