Contenuto Principale
Un indovino mi disse (di Tiziano Terzani) - recensione di Marco Longo
Gli articoli - Le recensioni
Thursday, 14 June 2012 21:01
There are no translations available.

"Il caso? Difficile dire che non esiste, ma in qualche modo mi andavo convincendo che gran parte di quel che sembra succedere appunto per caso, siamo noi che lo facciamo accadere; siamo noi che, una volta cambiati gli occhiali con cui guardiamo il mondo, vediamo ciò che prima ci sfuggiva e per questo credevamo non esistesse. Il caso, insomma, siamo noi".

Il viaggio che Tiziano Terzani compie in maniera quasi ininterrotta nel corso di un anno può essere sintetizzato in questo suo pensiero. È uno strano viaggio il suo, quasi fuori dal normale se si pensa che è avvenuto nel 1993. Un viaggio nel cuore dell'Oriente senza mai metter piede su di un aereo, non per scelta personale ma per attenersi alla profezia di un indovino incontrato a Hong Kong. Una maledizione si trasforma in una straordinaria occasione per rivalutare la propria vita e i suoi ritmi, per allungare e apprezzare distanze altrimenti troppo brevi e insignificanti, per ritrovare il gusto della scoperta.

Una profezia cambia la sua vita per un intero anno e così, dal momento in cui viene pronunciata, Terzani comincia a vagare alla ricerca di verità nuove: diventa quasi un gioco, che lo porta ad incontrare e ascoltare gli indovini più famosi dei luoghi in cui si reca, aspettando e ottenendo da loro un disegno "alternativo" del proprio destino.

Lo sfondo è quello dell'Asia che cambia giorno dopo giorno, non sempre in senso positivo. La modernizzazione sul modello occidentale si impadronisce velocemente di ogni aspetto della vita, e sono ormai molto rari quei luoghi che riescono a mantenere la loro verginità, fatta di storia e credenze religiose. Viene fuori il ritratto di una terra che sta perdendo la coscienza di sè. Tra auto malridotte, treni che raccolgono storie e delinquenza, navi che raccontano ricordi e paure del futuro, il viaggio di Terzani diventa un percorso di vita costellato da un'umanità sospesa tra la velocità dei ritmi della modernità e la costante fuga verso forme tradizionali di presunta razionalità, con indovini, veggenti e stregoni a farla da padroni... "Quel che non riuscii a togliermi di dosso era il ricordo inquietante di quella enorme massa di umanità disperata, disorientata, avida e adirata che, dal Vietnam alla Cina, dalla Mongolia alla Russia, mi ero lasciato dietro. Avessi viaggiato in aereo, non l'avrei mai vista".

In questo libro gli occhi del Terzani giornalista vanno alla scoperta di un rinnovato legame tra l'uomo, la natura e i suoi spazi. Ci si ritrova immersi in un mondo che riesce ancora ad affascinare grazie al suo miscuglio di magia e di tradizione, di storia e di religione, in una costante lotta tra vecchio e nuovo in un continente che sta cambiando volto.

Si ha l'impressione di essere al fianco dell'autore in questo suo viaggio in cui tempo e spazio si allungano a dismisura: viene voglia di ripercorrere i suoi passi per immergersi nei pochi luoghi ancora incontaminati di un oriente che corre molto più velocemente dei treni che lo attraversano.

Marco Longo

 

Add comment

Security code
Refresh

Chi mi consiglia una poesia?

Sulla strada esco solo (di Michail Lermontov)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Sulla strada esco solo.
Nella nebbia è chiaro il cammino...


Read more...

Come posso dire (di Karin Maria Boye)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Come posso dire se la tua voce è bella...

Read more...

I giorni sono sempre più brevi (di Nazim Hikmet)... molto molto bella...

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

I giorni sono sempre più brevi
le piogge cominceranno.
La mia...


Read more...

Tu sei mia, sei mia, io grido nella brezza (di Pablo Neruda)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Tu sei mia, sei mia, io grido nella brezza
serale, che mi...


Read more...

I passi

da La piccola dea della fertilità (di Paul Mesa, Sperling & Kupfer)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Quella che nel bagno della camera 314 sta bucando un...


Read more...

da "Cent'anni di solitudine" di Gabriel Garcìa Marquez

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Molti anni dopo, di fronte al plotone di esecuzione, il...


Read more...

da Una stanza tutta per sé (di Virginia Woolf)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Ma, direte, noi non le abbiamo chiesto di parlare delle...


Read more...

da Una burla riuscita (di Italo Svevo)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Mario Samigli era un letterato quasi sessantenne. Un...


Read more...

I racconti

I giorni perduti (di Dino...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

 

Qualche giorno dopo aver preso possesso della sontuosa...


Read more...

"Il pensatore" di Mahatma...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Un giorno, un pensatore indiano fece la seguente domanda ai...


Read more...

Praefectus (di Camillo...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

La giornata è pessima, ma questo non mi inquieta. I primi...


Read more...

"La sindrome Boodman" di...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

“Ancora un momento, cara… Giusto il tempo di finire”.

Il...


Read more...

Le recensioni

Dai cani (di Helle Helle, Atmosphere) - recensione di Rosa Giuliani

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

Nella vita di Bente non c’è più spazio per nulla. Sola,...


Read more...

Mandami una farfalla (di Alessio Masciulli)... da una storia vera e carica di umanità...

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

"Mandami una farfalla" è il prosieguo del romanzo "Credevo...


Read more...

Liberami (di Anna Piazza, Arpeggio Libero) - Recensione di Stefano Bolognini

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

Eva, una giovanissima giornalista, sta svolgendo una...


Read more...

Lettera a un bambino mai nato (di Oriana Fallaci) - recensione di Ilaria de Lillo

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

Non è una questione di femminismo, forse di religione,...


Read more...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

We have 595 guests online