Contenuto Principale
Al momento della scomparsa la ragazza indossava (di Colin Dexter) - recensione di Marco Longo
Gli articoli - Le recensioni
Domenica 20 Maggio 2012 19:12

Una piacevole scoperta quella di Colin Dexter, creatore dell'ispettore di polizia Morse. Non aspettatevi un commissario-investigatore che nella sua indagine segue una pista dettata dalla logica e dai fatti: chi è abituato a segugi infallibili nel loro mestiere di "scopritori della verità" rimarrà deluso.

Ma l'ispettore Morse riesce a coinvolgere in maniera molto forte e in questo Dexter si dimostra abile nel tenere sempre vivo l'interesse del lettore, con un ritmo piacevolmente scorrevole e mai banale, condito da una buona dose di ironia.

Morse non è il classico detective all'inglese: è un pasticcione e di questo ne è pienamente consapevole. Spalleggiato dal sergente Lewis, più propenso al lavoro impiegatizio e burocratico rispetto al suo superiore, cerca di seguire un filo nell'indagine sul presunto assassinio della giovane Valerie Taylor. Ma si tratta di una matassa più difficile da sbrogliare di quanto possa sembrare al nostro ispettore. Le sue supposizioni vengono costantemente arricchite di nuovi indizi, colpi di scena, errori di valutazione a volte anche grossolani. E con buona pace dell'anima, Morse si ritrova più volte costretto a ripartire da zero in un'indagine che alla fine arriverà quasi a detestare!

Tutti i personaggi che nel bene e nel male entrano in contatto con questo strano Ispettore in qualche modo hanno un certo timore verso di lui: sanno bene che prima o poi la sua mente contorta, tenuta in allenamento dalla sua passione per i cruciverba, arriverà a una soluzione. E nulla importa se proprio quella soluzione gli è già passata sotto il naso in diverse occasioni.

Morse è un personaggio strampalato, apparentemente burbero. Di lui non si può non apprezzare la semplicità, la costanza, il suo acume mentale, sebbene dia l'idea di essere un masochista che prova piacere a complicarsi le cose. In generale, trovo che si tratti di un personaggio ben riuscito, a tratti molto simile al commissario Kostas Charitos del greco P. Markaris.

Una frase mi ha colpito particolarmente: "Non siamo ancora sconfitti - disse Morse con un'energia improvvisa e inattesa - Ci siamo un po' persi in questo labirinto tortuoso e non riusciamo ancora a vedere la fine della strada ma [...] qualcuno una volta ha detto che la fine è l'inizio, Lewis".

Alla prossima, Ispettore Morse!

(di Marco Longo)



 

Aggiungi commento

Codice di sicurezza
Aggiorna

Chi mi consiglia una poesia?

Sibilla Aleramo - Rose calpestava

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Rose calpestava nel suo delirio
e il corpo bianco che amava.
Ad ogni lividura più mi prostravo,
oh...


Leggi tutto...

Itaca (di Kavafis)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

ITACA
Quando ti metterai in viaggio per Itaca
devi augurarti che la strada sia lunga
fertile in...


Leggi tutto...

Il Natale... di Madre Teresa di Calcutta...

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

E’ Natale ogni volta
che sorridi a un fratello
e gli tendi la mano.

Leggi tutto...

Il volto desiderato (di Unsi Al-Hàgg)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie

Il volto desiderato non è un ricordo e nemmeno un sogno,

è forse l'unione delle due cose, e...


Leggi tutto...

I passi

Philip Roth e l'animale morente... si è sempre in guerra...

Gli articoli - I passi dei libri

Deduzione e controdeduzione: è di questo che è fatta la storia. O uno impone le sue idee o se...


Leggi tutto...

da Emanuela. Una piccola questione di tempo (di Anna Francesci, Editori Riuniti)

Gli articoli - I passi dei libri

Si confondevano tra una colonna e l'altra le piume bianche e grigie delle livree, i piccioni...


Leggi tutto...

da Mentre morivo (di William Faulkner)

Gli articoli - I passi dei libri

Il sentiero, liscio a forza di piedi e che ormai, a luglio, è cotto e duro che sembra di...


Leggi tutto...

da Come le mosche d'autunno (di Irène Némirovsky)

Gli articoli - I passi dei libri

Scrollò la testa e disse, come una volta: "Dunque addio, Jurocka... Mi raccomando, abbi cura...


Leggi tutto...

I racconti

Non riesco a saziarmi di...

Gli articoli - I racconti

Ma, perché tu non mi creda libero ormai da tutti gli umani errori, sappi che ancora mi possiede...


Leggi tutto...

Il cuore rivelatore (di...

Gli articoli - I racconti

Sì; è vero – sono nervosissimo, spaventevolmente nervoso – e lo sono stato sempre; ma perché...


Leggi tutto...

Il grillo del signor Fabre...

Gli articoli - I racconti

Siamo a Londra. In una vasta e tumultuosa via alberata di Londra. Strepito di cavalli e di...


Leggi tutto...

da La rivolta di Atlante...

Gli articoli - I racconti

Eddie Willers pensò ad un giorno d'estate di quando aveva dieci anni. Quel giorno, in una...


Leggi tutto...

Le recensioni

La condizione umana (di André Malraux) - recensione di Davide Dotto

Gli articoli - Le recensioni

Cen ha appena commesso un omicidio, il suo primo atto terroristico. Ha un sospiro di sollievo,...


Leggi tutto...

Sempre qui! (di Michele Cassano, Gelsorosso) - recensione di Giancarlo Giuliani

Gli articoli - Le recensioni

Michele Cassano con il suo libro ci regala oltre che un romanzo una guida poetica, che ci aiuta...


Leggi tutto...

Lettera a mia madre (di Georges Simenon) - recensione di Massimo P.

Gli articoli - Le recensioni

(recensione di Massimo P.)

A volte mi siedo al computer e mi metto a scrivere, poche pagine, e...


Leggi tutto...

“Carte segrete” di Goffredo Bettini, quando un libro ha la forza di riaccendere la passione per la politica

Gli articoli - Le recensioni

“Si può mettere in moto la città, se si punta a dare libertà, autonomia, spazio, libertà di...


Leggi tutto...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

 722 visitatori online