Contenuto Principale
Andavamo a morire per un pezzo di pane (di Marco Longo)
Gli articoli - Le recensioni
Thursday, 10 May 2012 10:00
There are no translations available.

"La catastròfa - Marcinelle 8 agosto 1956" di Paolo Di Stefano - recensione di Marco Longo

Siamo abituati ad apprendere la storia dai libri di scuola. Ma ci sono eventi che non possono essere realmente compresi se non si "ascoltano" dal racconto diretto di chi li ha vissuti in prima persona, nel bene o nel male.

 

 

Il libro di Paolo Di Stefano sul disastro di Marcinelle dell'8 agosto 1956 è una testimonianza storica: difficile da trovare nei libri di scuola, raramente (e superficialmente) raccontata nella fiction di turno in occasione dell'anniversario, ma imprescindibile se si vuole tenere salda la memoria e l'onore di cittadini-eroi che non hanno indossato divise militari o combattuto per ideali politici. Semplicemente, eroi del lavoro. Gente che sessant'anni fa ha letto i famosi manifesti del governo italiano affissi nei paesini più sperduti e, soprattutto, più poveri: laddove era più facile per l'Italia reperire quella manodopera da sfruttare per garantirsi una sufficiente fornitura di carbone, in base ad un patto stipulato con il Belgio. Manifesti fatti di parole che promettevano facili ricchezze in breve tempo. Parole appunto. Ma nessun riferimento alle condizioni di sfruttamento estremo in cui si era costretti a lavorare nelle vene del sottosuolo del Bois du Cazier di Marcinelle, a più di mille metri sottoterra, piegati in cunicoli bassi e stretti dove il grisù (un gas altamente esplosivo che si sprigionava in seguito alla rimozione del carbone) esalava senza sosta. Paolo Di Stefano ripercorre i momenti drammatici attraverso la voce di chi quell'8 agosto era lì, a Marcinelle. È il racconto dei minatori che avevano terminato il turno di notte, ignari di ciò che sarebbe accaduto qualche ora dopo in quegli spazi angusti da cui erano appena risaliti. È il racconto straziante di mogli, figli, fratelli che in quel disastro hanno perso parte della propria vita e della propria ragione d'essere. Ma è anche il racconto di chi non ci sta: di chi spera ancora di avere delle spiegazioni, di capire i motivi di quel disastro e avere finalmente giustizia. E di quella gente che non riesce ancora a spiegarsi i motivi dell'assenza dello Stato italiano in tutti questi anni. L'Italia non ha fatto nulla per questi suoi eroi e buona parte di loro ha preferito stabilirsi definitivamente in Belgio anche dopo il disastro, non solo per bisogno ma forse anche per rabbia. Una sofferenza ancora più grande che si rischia di dare a questa gente è quella dell'oblio: si fa presto a ricordarsi di una tragedia in occasione del suo anniversario, ma si fa altrettanto presto a dimenticarsene. Ed è ancora peggio quando il primo a dimenticare è lo Stato.

Marco Longo

 

Add comment

Security code
Refresh

Chi mi consiglia una poesia?

Al mio fianco tu respiri (di Octavio Paz)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Rumori confusi, incerto chiarore.
Inizia un nuovo giono,
è...


Read more...

Porto dentro il mio cuore (di Fernando Pessoa)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Porto dentro il mio cuore, come un cofanetto pieno che non...


Read more...

Pablo Neruda - Ode al cane

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

 

Il cane mi domanda
e non rispondo.
Salta, corre pei campi...


Read more...

Amicizia (di Jorge Luis Borges)

Chi mi consiglia una poesia? - Le poesie
There are no translations available.

Non posso darti soluzioni per tutti i problema della vita
Read more...

I passi

da Il carteggio Aspern (di Henry James)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Avevo preso la signora Prest a confidente; a dire il vero,...


Read more...

da "Vicolo del mortaio" di Nagib Mahfuz

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Il tramonto di si annunciava e il Vicolo del Mortaio andava...


Read more...

da Pastorale americana di Philip Roth

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

"Lo Svedese. Negli anni della guerra, quando ero ancora...


Read more...

da Dove nessuno ti troverà (di Alice Giménez Bartlett)

Gli articoli - I passi dei libri
There are no translations available.

Barcellona, settembre 1956

Carlos Infante notò con...


Read more...

I racconti

Risveglio (di Anthony De...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Un tale bussa alla porta di suo figlio: "Paolo",
dice,...


Read more...

Porto meco uomini di...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Porto meco uomini di quest'isola e delle altre da me...


Read more...

Il treno ha fischiato (di...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

Farneticava. Principio di febbre cerebrale, avevano detto i...


Read more...

Sul palcoscenico a cinque...

Gli articoli - I racconti
There are no translations available.

All'età di cinque anni feci la mia prima apparizione sul...


Read more...

Le recensioni

Nessun requiem per mia madre (di Claudiléia Lemes Dias, Fazi Editore) - recensione di Emilia Basile

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

"Nessun requiem per mia madre" è un libro da leggere tutto...


Read more...

La maschera sotto la neve (di Marco Casula) - (l'autore Marco Casula si presenta)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

(recensione di Marco Casula)

Una storia moderna dal titolo...


Read more...

Qualcosa di scritto (di Emanuele Trevi, Ponte Alle Grazie)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

"Sono rarissimi gli incontri che davvero, come si dice,...


Read more...

Ventotto domande per affrontare il futuro (di Theodore Zeldin, Sellerio)

Gli articoli - Le recensioni
There are no translations available.

Questo libro ci spinge a una ricerca e a una scoperta,...


Read more...
Ricerca / Colonna destra

Accedi



Chi è online

We have 691 guests online